5 CANZONI DA ASCOLTARE PER CONOSCERE LA MUSICA TRAP

musica trap

Il termine “Bufu” vi fa venire in mente niente? E se dicessi “dark polo gang” o “Sfera Ebbastasta”? Se questi nomi non vi suonano familiari vuol dire che ancora non conoscete la trap, il genere musicale le cui canzoni sono tra le più ascoltate del 2019, apprezzatissime dai più giovani e non solo. Ma quali sono i brani che non puoi proprio non conoscere se vuoi dimostrarti un vero intenditore di musica trap?

 

Come nasce la trap e com’è arrivata in Italia

La trap nasce negli Stati Uniti come sottogenere della musica rap negli anni novanta. Il termine fa riferimento alla trap house, ovvero vecchi luoghi spesso abbandonati nei ghetti in cui venivano preparate e vendute le droghe più comuni: il termine “trap” si riferisce infatti a “trappola”. I tratti distintivi, quanto meno inizialmente, erano i continui riferimenti alle droghe, ai soldi, all’alcol e allo spaccio. Fu verso il 2010 che la trap inizia a prendere una strada diversa, allontanandosi dalla vita del ghetto.

In Italia è arrivata circa tre anni fa, rivelandosi da subito provocatoria e dai toni accesi, proprio per questo particolarmente apprezzata dalle nuove generazioni. Alcuni esempi ne sono artisti come la Dark Polo Gang e Sfera Ebbasta, che esibiscono il loro successo in modo spavaldo, mostrando banconote e catene d’oro nei video musicali. Ma non si tratta solo di questo: all’interno della nostra scena musicale troviamo anche cantanti come Ghali, che si dedica maggiormente a temi sociali.

 

Gué Pequeno – Il ragazzo d’oro

Brano uscito nel 2011, oggi viene considerato un antenato della trap italiana: non presenta ancora le sonorità tipiche del genere, caratterizzato dall’uso intenso dell’autotune, e nemmeno il look provocatorio e volutamente eccessivo. In ogni caso, chi vuole cominciare ad ascoltare questo genere non può assolutamente prescindere da questo brano.

 

Sfera Ebbasta – Ciny

L’artista di 26 anni, nato a Cinisello Balsamo, si è autoproclamato King della Trap, e questo dovrebbe già dirci qualcosa sulla sua personalità. È infatti il primo artista ad aver sdoganato la trap italiana, e i suoi pezzi presentano l’uso massiccio di autotune, mentre il suo look è sfrontato e aggressivo. All’interno del pezzo Ciny racconta la sua vita in periferia e del suo riscatto.

 

Ghali – Cara Italia

Ghali è sicuramente tra gli artisti apprezzati anche da un pubblico più maturo, dato che i suoi testi trattano temi sociali e spesso narra della propria infanzia. Cara Italia è la sua canzone più conosciuta, in cui racconta l’immigrazione e la difficoltà dell’integrazione.

 

Dark Polo Gang – Crack musica

Crew di origini romane, la Dark Polo Gang ha contribuito alla diffusione di termini slang ormai sulla bocca di ogni ragazzino, come “Bufu” e “Eskere”. Crack Musica cambia la scena della trap: scritta dal membro Sick Luke, non fa parte di un album bensì di un mixtape.

 

Achille Lauro – Angelo Blu

Ultimo ma non per importanza è Achille Lauro, di origini romane. Il suo pezzo Angelo Blu, uscito nel 2018, parla di un amore sofferto, con un parallelismo tra sentimenti e droga. Ha ottenuto particolare successo grazie anche a featuring con Cosmo.

 

La musica trap italiana è solo agli albori e, date le premesse, è destinata a svilupparsi ed evolversi adattando le proprie sonorità al gusto delle nuove generazioni che ne hanno segnato il successo.

 

 

1 commento

  1. Ah, trap deriva da trappola.
    Pensavo fosse TrashRAP
    😀

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*