IL 2020 È UFFICIALMENTE L’ANNO DEL FUMETTO

IL 2020 È UFFICIALMENTE L’ANNO DEL FUMETTO

Su iniziativa del Ministero della cultura francese, il 2020 è stato dedicato al fumetto. Dodici mesi per dare voce e colori in tutto il Paese.

Lo ha annunciato il ministro Franck Riester: “Quest’anno servirà per rafforzare il legame tra la nona arte, così viene soprannominato il fumetto in Francia, “e la nostra tradizione artistica e culturale, a ravvivare la sua fiamma creativa in tutti gli uomini e le donne che la fanno vivere e brillare. È anche una opportunità per dimostrare il profondo attaccamento dei francesi al fumetto. A tutte le età e in tutte le sue forme, dai graphic novel ai manga. La Francia ama la nona arte”.

IL 2020 È L'ANNO UFFICIALE DEL FUMETTO

Il ministro francese della Cultura Franck Riester

 

“L’anno 2020 del fumetto” è stato lanciato ufficialmente al festival internazionale del fumetto di Angoulême il 30 gennaio. Un’idea germogliata dopo la presentazione del dossier di Pierre Lungheretti, direttore della Cité internationale de la BD, comprendente 54 proposte per promuovere il fumetto e i suoi autori.

“È positivo che studi e relazioni a volte servano a qualcosa”, aveva detto il ministro Franck Riester durante il lancio ufficiale dell’evento. “Sarà l’occasione per celebrare un’arte molto popolare in Francia, ma non sufficientemente enfatizzata dalle istituzioni pubbliche. Sarà anche l’occasione per mettere in evidenza gli autori francesi, artisti straordinari”.

IL 2020 È L'ANNO UFFICIALE DEL FUMETTO

 

Ma il fumetto nella terra dei croissant e della baguette è già da tempo un genere letterario. Basta un solo numero per convincerci che il fumetto, superate le Alpi, è una vera passione: quasi 8,4 milioni di francesi acquistano regolarmente fumetti, pari al 15,5% della popolazione. Tuttavia, secondo il ministro, questo non è sufficiente. “Dobbiamo rendere la nona arte ancora più accessibile e attraente, dandole più spazio nelle biblioteche e nelle scuole, per esempio”.

Il 2020 sarà costellato da circa 800 eventi che mobiliteranno grandi istituzioni. Il Museo Picasso, il Palazzo di Versailles, la Città dell’economia e il Museo della Grande guerra saranno alcune delle prestigiose sedi che ospiteranno le mostre. La Bibliothèque nationale de France ha preparato un intero ciclo di master class con grandi disegnatori. La Philharmonie di Parigi ha in programma un grande concerto “disegnato” con Catherine Meurisse, autrice della scuderia Dargaud, e 17 stazioni ferroviarie ospiteranno le opere di grandi autori.

Cinque eventi saranno organizzati dal Cnl, il Centro nazionale del libro creato nel 1946, una istituzione pubblica sotto la supervisione del Ministero della cultura. La missione del Cnl è facilitare la creazione, l’edizione, la promozione e la diffusione di libri di qualità attraverso azioni di sostegno ai protagonisti della catena del libro: autori, traduttori, editori, librai, biblioteche e organizzatori di eventi letterari. Assegna anche sovvenzioni e prestiti, previa consultazione di commissioni specializzate.

Emmanuel Macron accompagnato dal fumettista Lewis Trondheim al festival di Angoulême

 

Ad Angoulême è intervenuto anche Emmanuel Macron, il primo presidente a partecipare al festival dopo François Mitterrand nel 1985. Gli autori, durante un pranzo con il presidente francese, hanno parlato delle loro difficili condizioni economiche. Gran parte di loro vive in una situazione di precarietà, il 30% è al sotto della soglia di povertà.
Macron ha preso appunti e assicurato gli autori che nei prossimi mesi verranno presi dei seri provvedimenti per migliorare la situazione. Si pensa a finanziamenti speciali elargiti dal Centro nazionale del libro, a maggiori diritti sociali, a un quadro giuridico e amministrativo semplificato, e un modello fiscale ridisegnato secondo le esigenze degli autori di fumetti.

 

 

1 commento

  1. Chissò se viene fatto questo anche in Giappone. Comunque se apppoggiato dai politici ci sono condizioni.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*