splatter

IL TALENTO DI SAM RAIMI IN 5 SEQUENZE

IL TALENTO DI SAM RAIMI IN 5 SEQUENZE

Nato il 23 ottobre del 1959 a Royal Oak, nello stato del Michigan, Sam Raimi è uno dei registi americani più interessanti tra quelli che hanno esordito nei primi anni ottanta. Capace oltretutto di svincolarsi dai limiti di un genere, l’horror, che aveva dato opere straordinarie nei decenni precedenti ma che mostrava d’essere stato un po’ consunto dall’uso. Ha così ottenuto ... »

GLI ANIME SPLATTER E GORE PIÙ ESTREMI

GLI ANIME SPLATTER E GORE PIÙ ESTREMI

Un aspetto degli anime che mi ha sempre affascinato è l’incredibile varietà con cui vengono messe in scena situazioni disturbanti, la capacità di ritrarre la morte in un’infinità di modi diversi e la dovizia di particolari con cui questa viene rappresentata. In questo senso, è “intrigante” la libertà d’azione che rende questi anime in grado di mostrare una brutalità che i live-action sono spesso i... »

L’HORROR DI TOBE HOOPER IN 5 SEQUENZE

L’HORROR DI TOBE HOOPER IN 5 SEQUENZE

Un altro lutto colpisce il mondo del cinema: è scomparso Tobe Hooper. Nato nel 1943 ad Austin, in Texas, Hooper è stato autore, soprattutto nella prima parte della carriera, di una serie di capolavori che ne hanno fatto una delle figure principali dell’horror americano. Vogliamo ricordarlo con cinque sequenze tratte da alcune dei suoi film più importanti. Non aprite quella porta (The Texas C... »

CINZIA MONREALE, LA REGINA DELL’HORROR-SPLATTER ITALIANO

CINZIA MONREALE, LA REGINA DELL’HORROR-SPLATTER ITALIANO

Cinzia Monreale è un volto simbolo del cinema dell’orrore italiano degli anni ottanta, una sorta di Barbara Steel più dolce e sensuale, meno terrificante, soprattutto più vittima e meno carnefice. Tutti la ricordiamo per il ruolo di Anna nello splatter romantico Buio omega che Joe D’Amato realizza nel 1979. Anna muore per cause naturali e il suo innamorato ne trafuga il corpo per imbalsamarla e te... »

GREEN DAY – BLACK NIGHT – RED END

GREEN DAY – BLACK NIGHT – RED END

Una recensione? Un racconto? Un delirio senza senso? Un mix di tutte e tre… “Uot du iu cam from?” abbozzo alla tipa, nel mio inglisc da De Agostini Basic Level. “America” fa lei succhiandosi con la cannuccia il buco del culo del terzo Mojito della serata. “Ah America… iu now tats America mi sta (hau iu sei “MI STA'”?!)… sul cazzo… o... »