SUPER VETTEL PRIMO NEL GRAN PREMIO DEL BAHRAIN

SUPER VETTEL PRIMO NEL GRAN PREMIO DEL BAHRAIN

Nella giornata di Pasqua casca la terza prova del campionato del mondo di Formula 1. Il Circus fa tappa in Medio Oriente sulla pista di Sakhir, il circuito costruito nel deserto vicino a Manama, la capitale del Bahrain.
Su questo tracciato Hamilton e Vettel hanno già vinto due volte a testa, ma lo scorso anno fu Nico Rosberg a salire sul gradino più alto del podio.

Autore della pole-position 2017 è a sorpresa Valtteri Bottas. Il finlandese della Mercedes è riuscito a battere il compagno Lewis Hamilton di soli 23 millesimi di secondo, siglando la sua prima pole in carriera.
Terzo in griglia e deluso della velocità della sua Ferrari è Vettel. Il tedesco si aspettava di poter lottare per la pole, ma qualcosa non ha funzionato a dovere a bordo della sua monoposto rossa.
Wehrlein rientra dall’infortunio e riprende il suo sedile Sauber al posto dell’italiano Giovinazzi.

La griglia di partenza del Gran Premio del Bahrain
Prima fila: Bottas (Mercedes) e Hamilton (Mercedes)
Seconda fila: Vettel (Ferrari) e Ricciardo (Red Bull)
Terza fila: Raikkonen (Ferrari) e Verstappen (Red Bull)
Quarta fila: Hulkenberg (Renault) e Massa (Williams)
Quinta fila: Grosjean (Haas) e Palmer (Renault)
Sesta fila: Kvyat (Toro Rosso) e Stroll (Williams)
Settima fila: Wehrlein (Sauber) e Ocon (Force India)
Ottava fila: Alonso (McLaren) e Sainz (Toro Rosso)
Nona fila: Vandoorne (McLaren) e Perez (Force India)
Decima fila: Ericsson (Sauber) e Magnussen (Haas)

Bottas tiene il comando allo start, ma Vettel ha un ottimo spunto e riesce a bruciare Hamilton. Nelle prime tornate il finlandese della Mercedes non riesce ad allungare sugli inseguitori; dietro a lui si forma un trenino con Vettel, Hamilton e le due Red Bull. Leggermente più indietro rimangono Massa e Raikkonen.

Vettel

Per sbloccare la situazione, alla Ferrari tentano un cambio di strategia anticipando il primo pit stop sulla vettura di Vettel. Subito dopo la Red Bull fa lo stesso con Verstappen, ma l’olandese è vittima di un problema meccanico ai freni e termina la sua gara contro le protezioni. Poco dopo una collisione tra Stroll e Sainz obbliga il direttore di gara a chiamare in causa la safety car. In regime di safety car cambiano le gomme anche le Mercedes e Ricciardo, ma mentre le vetture rientrano nella pit lane, viene rilevata una scorrettezza da parte di Lewis che rallenta di proposito Ricciardo. Quando la corsa può riprendere a pieno ritmo è Sebastian Vettel a ritrovarsi al comando. Dietro a lui Bottas ed Hamilton, ma l’inglese viene sanzionato con 5” di penalità.


Vettel riesce a tirare fuori il meglio dalla sua Ferrari e a mettere un discreto margine tra lui e le due Mercedes. La situazione rimane invariata anche dopo la solita girandola di fermate ai box per il secondo e ultimo cambio gomme. Ultimo stint di gara eccezionale per Lewis Hamilton. Scontata la sua penalità ai box durante il suo secondo pit stop, l’inglese si sbarazza di Bottas e tenta una rimonta impossibile su Vettel. Il tedesco, però, gestisce senza paura il suo vantaggio e va a tagliare per primo il traguardo precedendo Hamilton e Bottas. Quarto un Raikkonen che ha sofferto qualche problemino tecnico per tutta la gara e che per ben due volte ha dovuto liberarsi di un coriaceo Massa. Ricciardo solo quinto davanti a Massa, Perez, Grosjean, Hulkenberg e Ocon.

La corsa è stata spettacolare e tesa fino alla fine; Vettel e Hamilton hanno dimostrato per la terza volta consecutiva in questo 2017 di avere una marcia in più rispetto a tutti gli altri concorrenti.
Sebastian, dopo questo successo (il quarantaquattresimo in carriera), guida da solo la classifica mondiale con 68 punti, mentre Lewis insegue a 61.
Prossima tappa del mondiale in Russia il 30 aprile.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*