L’ISOLOTTO CON IL RESORT PER SOLE DONNE

L’ISOLOTTO CON IL RESORT PER SOLE DONNE

Supershe è il nome di un resort che verrà costruito su un’isola finlandese dell’arcipelago di Raseborg, non lontano dalla capitale Helsinki. La sua particolarità è quella di essere stato concepito esclusivamente per il pubblico femminile. Secondo le intenzioni di Kristina Roth, imprenditrice americana, già amministratore delegato di una azienda di consulenza, l’atollo che ha acquistato dovrà essere off-limits agli uomini. La loro presenza, secondo la Roth, pregiudicherebbe la serenità delle donne in cerca di un ambiente in cui potersi rilassare veramente, lontane dalle tentazioni anche e soprattutto di carattere sessuale. L’idea è nata durante una vacanza in un resort “olistico”, dove la Roth si sarebbe accorta di come gli uomini fossero la principale fonte di distrazione femminile.

Per quanto singolare, questa filosofia non è un caso isolato. Nella vicina Svezia, a Stoccolma, era già stato pensato un festival musicale vietato agli uomini per proteggere il pubblico femminile dalle molestie maschili, a giudizio di alcuni tipiche in situazioni di questo genere. L’evento non si è poi tenuto per le tante critiche sollevate, ma l’impatto sull’opinione pubblica è stato comunque forte. Su presupposti analoghi l’agenzia Intrepid Travel organizza viaggi in Medio Oriente per sole donne, con l’obiettivo di scoprire le abitudini e i costumi delle donne locali.

Supershe, che sarà inaugurato a giugno di quest’anno, è comunque rivolto a poche donne in cerca di relax: sono disponbili solo otto camere dotate di ogni comfort, in cui potranno alloggiare non più di dieci persone. I costi non si conoscono ancora, ma non saranno popolari: si parla di circa 3mila euro a settimana all inclusive, in un’isola poco più grande di un chilometro quadrato ricoperta da licheni e pini sempreverdi. Tra le attività a disposizione: yoga, kayak e palestra. Per accedere non basta solo il portafogli gonfio. Dopo la compilazione di un apposito modulo e una prima scrematura, occorre superare un colloquio via skype direttamente con la signora Roth, che si riserva di accettare o respingere le candidate intenzionate a trascorrere qualche giorno in un (supposto) paradiso di sole donne.

1 commento

  1. Dubito veramente che questa nuova tendenza possa attecchire.
    La donna e` sempre e comunque in cerca di cazzo.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*