IL MISTERO DEL RITORNO DI MISTER NO

IL MISTERO DEL RITORNO DI MISTER NO

“E dentro ti porti una cicatrice in più! Bah, così è la vita vecchio mio… una lunga serie di cicatrici… non ci pensare troppo”. Mister No n. 84, pag. 29. Mister No è personaggio a fumetti creato da Guido Nolitta, alias Sergio Bonelli. La sua serie è uscita dal 1975 al 2009 per un totale di 379 numeri, più una ventina di speciali e di Almanacchi. Negli anni settanta al cinema non era più tempo di western. John Ford aveva diretto il suo ultimo western, “Il grande sentiero” (Cheyenne Autumn). Gli altri grandi registi di Hollywood, da Hawks a Mann e Boetticher, avevano passato la mano. Era rimasto un grande allievo, Sam Peckinpah, ma i suoi erano western crepuscolari su un mondo che scompariva. Sergio Leone aveva chiuso la trilogia del dollaro e detto addio ... »

MATITE BLU 45

MATITE BLU 45

JODOROWSKY’S DUNE: IL FILM DI FANTASCIENZA DEL SECOLO

JODOROWSKY’S DUNE: IL FILM DI FANTASCIENZA DEL SECOLO

Jodorowsky’s Dune è un film-documentario del 2013 diretto da Frank Pavich che narra il tentativo, fallito, del regista Alejandro Jodorowsky di realizzare “il film di fantascienza del secolo”, tratto dal ciclo dei romanzi di Frank Herbert: “Dune”. Forte del relativo successo al botteghino delle sue pellicole precedenti, il regista, attore e scrittore cileno Alejandro Jodorowsky, come lui stesso spiega all’inizio del film, nella metà degli anni settanta accarezza l’idea di realizzare un’opera colossale e visionaria che, utilizzando l’ispirazione prodotta dal ciclo di Frank Herbert, attraverso il registro della fantascienza e del fantasy metta in scena le idee e l’estetica della cultura psichedelica della fine degli anni sessanta. Jodorowsky nasce a Tocopil... »

TINÌ TRANTRAN – 76

TINÌ TRANTRAN – 76

ALL’ORIZZONTE – HAIKU

ALL’ORIZZONTE – HAIKU

all’orizzonte spasimi di vapore – è canicola     Questo haiku è World © di Tea C. Blanc. All rights reserved   L’haiku è un componimento breve di 3 versi e 17 sillabe, divise in 5-7-5, privo di titolo, maiuscole e spesso di punteggiatura. Nasce in Giappone e riflette l’amore della cultura nipponica per il minimalismo e le cose semplici e concise. L’haiku è un “punto d’arrivo” e non “di partenza”. Non è un esercizio intellettuale o una esibizione di tecnica stilistica: è di più. In esso non esistono soggetto né oggetto. La poesia fa largo al vuoto. E le porte del vuoto vengono aperte dai concetti di sabi: il tempo che scorre, il continuo mutamento. (Kyorai, grande teorico classico di haiku, dà del concetto di sabi la seguente definizione: “…è il colore del verso…”). E di wabi: ric... »

FRANK CARTER – PRIGIONIERO DI ARES 2

FRANK CARTER – PRIGIONIERO DI ARES 2

ADERISCI ANCHE TU ALLA CAMPAGNA

ADERISCI ANCHE TU ALLA CAMPAGNA

(Oggi il “politicamente corretto” è diventato una moda che non tiene più conto della razionalità. Abbiamo visto, per esempio, un dio nordico diventare nero nella versione cinematografica di Thor e il protagonista stesso diventare donna nei fumetti. Naturalmente ben vengano personaggi nuovi dalla pelle nera, di sesso femminile od omosessuali. L’importante è che non continuino a venire distrutti quelli già esistenti con scelte irrazionali. Come sarebbe, appunto, un puffo gay). »

GHOST RIDER NEL FAR WEST CANTATO DA PRESLEY E I REM

GHOST RIDER NEL FAR WEST CANTATO DA PRESLEY E I REM

Quando appare per la prima volta Ghost Rider? Nel 1948 una ballata country composta da Stan Jones dal titolo “Ghost Riders in the Sky” scala le classifiche di vendita americane, per venire in breve inclusa nell’olimpo delle 100 migliori canzoni western di sempre: la riprenderanno Elvis Presley, Johnny Cash, Tom Jones, Duane Eddy, Debbie Harry, i Rem e persino… Gino Latilla. Il titolo e il tema della canzone l’anno dopo ispirano lo sceneggiatore Ray Krank, che propone alll’editor del comic book antologico “Tim Holt” (della Magazine Enterprises) uno spettrale giustiziere della notte a cavallo, avvolto in un completo bianco fosforescente. I disegni vengono realizzati dal futuro inchiostratore di Jack Kirby nei primi albi della Marvel, Dick Ayers... »

GIOVANNI TICCI DA TEX AL PALIO DI SIENA

GIOVANNI TICCI DA TEX AL PALIO DI SIENA

Come tutti sanno, la corsa storica più popolare del nostro Paese, e forse del mondo intero, è il Palio di Siena. Il Palio è il nome dello stendardo dipinto, o drappellone, che viene dato in premio alla contrada vincitrice dopo i tre giri a cavallo in piazza del Campo. Per tradizione, alla realizzazione del drappellone vengono chiamati alternativamente pittori di chiara fama e artisti locali, i quali hanno l’obbligo di raffigurare sempre la Madonna di Provenzano, che è la protettrice ufficiale del capoluogo toscano. Ma forse non tutti sanno che l’onere e l’onore di realizzare un “Cencio” (così viene definito affettuosamente il Palio dai senesi), è toccato anche ad un famoso maestro del fumetto italiano. E chi poteva essere se non Giovanni Ticci, colonna storica... »

PV – SCORBUTICA

PV – SCORBUTICA

    »

PROF KNOX – BACCHETTE

PROF KNOX – BACCHETTE

Il libro del Prof Knox lo potete richiedere ad Amazon o all’autore: pinocreanza@alice.it »

5 SEQUENZE PER RICORDARE PAOLO VILLAGGIO

5 SEQUENZE PER RICORDARE PAOLO VILLAGGIO

Paolo Villaggio è stato con ogni probabilità il più grande comico italiano dopo Totò. L’unico ad avere creato e interpretato un personaggio, Fantozzi, che è diventato una vera e propria maschera, nonché alter-ego di Villaggio. Tanto che molti, confondendosi, chiamano l’attore col cognome del personaggio. Proprio per questo è giusto ribadire che l’attore genovese non ha interpretato soltanto Fantozzi. Non c’è bisogno di ricordare che ha lavorato con registi importanti del nostro cinema. Di sicuro quotidiani e televisioni non mancheranno di sottolinearlo, con il solito malcelato disprezzo (che chissà perché riguarda sempre e solo i film italiani) nei confronti della cosiddetta serie b. A nostro parere il meglio (proprio come Totò) lo ha dato nei titoli considerati di ... »

THOR-JANE E GLI ALTRI WHAT IF?

THOR-JANE E GLI ALTRI WHAT IF?

La serie “What If?” (cosa succederebbe se…?), lanciata dalla Marvel nel 1977, deriva dalle “Imaginary Stories” della Dc Comics che nella fine degli anni cinquanta aveva permesso di variare i consueti toni narrativi. L’idea di universo alternativo è stato introdotto da Otto Binder in Superman 146 del luglio 1961: due mesi prima del n. 123 di Flash “Flash dei due mondi”, nel quale il Flash della silver age incontra quello della golden age. Alla base di questo concetto c’è la celebre sequenza onirica di “La vita è meravigliosa” di Frank Capra, dove il protagonista interpretato da James Stewart immagina come sarebbe stato il mondo senza di lui. Le Storie immaginarie della Dc erano però solo varianti pittoresche a sé stanti, in u... »

MOMENTO POP – GENIO DEL MALE

MOMENTO POP – GENIO DEL MALE

Visita il nostro sito satirico: https://www.facebook.com/groups/1791129604449853/?fref=ts »

ARRANGIARSI PER FARE UNA BELLA VACANZA

ARRANGIARSI PER FARE UNA BELLA VACANZA

Gli italiani sono maestri nell’arte di arrangiarsi. Sicuramente lo erano quelli vissuti durante e subito dopo la seconda guerra mondiale. Erano capaci di divertirsi con poco, di inventarsi tanti modi per viaggiare quasi gratis e per fare delle belle vacanze. Però l’antico spirito non è morto perché anche adesso gli italiani sono capaci di adattarsi alle mutate condizioni economiche. Vanno ancora in vacanza e fanno ancora bei viaggi. Gli anni che vanno dal 1950 al 1970 furono quelli del passaggio dal dopoguerra al boom economico. Fra il 1958 e il 1959 iniziò la raccolta dati sul numero di italiani che andavano in vacanza. Precedentemente era un fenomeno che riguardava solo poche persone, le più ricche. Nel 1950 andò in vacanza il 13 per cento della popolazione. Ma già nei primi ... »

I CHINSON – PENSIONI

I CHINSON – PENSIONI

ROGER RABBIT, UN CONIGLIO TRA INTRIGHI E CARTONI VINTAGE

ROGER RABBIT, UN CONIGLIO TRA INTRIGHI E CARTONI VINTAGE

“Chi ha incastrato Roger Rabbit”? Domandona, eh? Beh, la risposta, amico a casa e a caso che stai leggendo, è molto semplice: siamo stati “noi”. Tutti noi, pubblico che ne ha decretato lo spaventoso successo. Già, perché l’abbiamo inchiodato proprio lì, in quello spazio a metà fra l’indelebile ricordo d’infanzia/preadolescenza e icona generica della cultura pop collettiva. Parliamoci chiaro, tutti amano questo film. Nel corso degli anni, non ho mai incontrato nessuno che abbia mai detto che Roger Rabbit non gli piace. Se la risposta alla “domanda” su chi abbia incastrato il coniglio pare semplice, dall’altro lato spesso mi sono chiesto: cosa rende questo film così piacevole e speciale? Le animazioni perfette, per caso? L’ambientazione e i personaggi, magari? Oppure, semplicemente, i ... »

TINÌ TRANTRAN – 74

TINÌ TRANTRAN – 74

IL VIAGGIO IN MOTOCICLETTA DI ROBERT M. PIRSIG

IL VIAGGIO IN MOTOCICLETTA DI ROBERT M. PIRSIG

Nel 1974 apparve un libro negli Stati Uniti che si rivelò un fulmine a ciel sereno. Cinque ristampe nell’arco dello stesso mese e traduzioni in mezzo mondo. Un libro che ancora oggi fa parlare, dopo più di quarant’anni: Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta. Credo sia un esempio di quei rari fenomeni in cui una voce sappia parlare per molti, lo sappia fare a fondo, senza dimenticare niente. L’Autore, Robert M. Pirsig, ci dice che furono 121 le risposte negative da parte degli editori interpellati prima di riuscire a pubblicarlo quando, un giorno, trovò l’editore William Morrow, il quale gli offrì un anticipo, un misero anticipo di tremila dollari che probabilmente e quasi sicuramente sarebbe stato anche il primo e l’ultimo pagamento. Il motivo che indusse ... »

FRANK CARTER – PRIGIONIERO DI ARES 1

FRANK CARTER – PRIGIONIERO DI ARES 1

MOMENTO POP – TETTE

MOMENTO POP – TETTE

Visita il nostro sito satirico: https://www.facebook.com/groups/1791129604449853/?fref=ts »

ENGLISH GLAMOUR: SMITH, BOLLAND, DAVIS E BISLEY

ENGLISH GLAMOUR: SMITH, BOLLAND, DAVIS E BISLEY

In America non c’è stata solo l’ondata degli sceneggiatori britannici (Alan Moore in testa): anche qualche ottimo disegnatore della perfida Albione vi ha lasciato il segno. Questi autori hanno un tratto distintivo comune? Direi proprio di sì: un certo glamour europeo, che non si riscontra allo stesso livello nei disegnatori americani dei comic book della silver age (Jim Steranko e Howard Chaykin a parte). Passiamo allora in rassegna Barry Smith, Brian Bolland, Alan Davis e Simon Bisley. BARRY SMITH Il primo inglese che ha avuto successo nei comic book della silver age è stato Barry Smith (nato nel 1949), il quale, a un certo punto, ha iniziato a farsi chiamare Barry Windsor-Smith per evitare omonimie e darsi un tocco di nobiltà. Questo autore è stato forse l’ultimo disegn... »

TEX SULLE PISTE DI SE STESSO

TEX SULLE PISTE DI SE STESSO

Un’avvincente e poetica avventura nello “Speciale Tex n°32 – ’Il magnifico fuorilegge’ – Texone 2017” straordinariamente disegnata da Stefano Andreucci e sceneggiata da Mauro Boselli. Leggendo attentamente il “Texone” di Andreucci e Boselli, e con un raro coinvolgimento, ho concluso che… si tratta di un’ottima storia, ricca di avventura ma anche di approfondimenti psicologici di personaggi editi ed inediti. Ci sono invenzioni originali ed elaborazioni molto singolari di temi e situazioni naturalmente già viste in tante avventure western. Ma, anche per questo, si legge tutto d’un fiato e si può ben dire che sia il disegnatore che l’autore abbiano dato fondo alle rispettive competenze per creare un clima di attesa tale, sul destino dei su... »

MATITE BLU 44

MATITE BLU 44

IL DESTINO DI CHIAMARSI SCAMARONI

IL DESTINO DI CHIAMARSI SCAMARONI

Abbiamo tutti una nave nel cuore. Bianca, forse, come quella nave che un giorno ha portato via i nostri cari e un altro ancora, pietosa, ce li ha restituiti. La mia era il Cyrnos che, dopo anni di servizio e una guerra, fece risuonare per un ultimo saluto alla città di Bastia le sue tristi sirene e sparì per sempre all’orizzonte. Fu sostituita da una nave più grande e bella. Era il 1966, quando vidi per la prima volta il Fred Scamaroni entrare in porto. Non sapevo ancora dell’incendio scoppiato in sala macchine undici mesi prima del lancio ufficiale. E poca importanza diedi, un anno dopo, alla notizia che andò a sbattere contro una banchina del porto di Ajaccio.   Come se non bastasse, nel 1970, mentre effettuava l’attraversata Marsiglia-Bastia con a bordo 400 passeggeri, scoppiò un i... »

TINÌ TRANTRAN – 73

TINÌ TRANTRAN – 73

AVANZAN CIECHI – HAIKU

AVANZAN CIECHI – HAIKU

avanzan ciechi persa la meraviglia – dita su aria   Questo haiku è World © di Tea C. Blanc. All rights reserved   L’haiku è un componimento breve di 3 versi e 17 sillabe, divise in 5-7-5, privo di titolo, maiuscole e spesso di punteggiatura. Nasce in Giappone e riflette l’amore della cultura nipponica per il minimalismo e le cose semplici e concise. L’haiku è un “punto d’arrivo” e non “di partenza”. Non è un esercizio intellettuale o una esibizione di tecnica stilistica: è di più. In esso non esistono soggetto né oggetto. La poesia fa largo al vuoto. E le porte del vuoto vengono aperte dai concetti di sabi: il tempo che scorre, il continuo mutamento. (Kyorai, grande teorico classico di haiku, dà del concetto di sabi la seguente definizione: “…è il colore del verso…”). E di wabi: ricch... »

FRANK CARTER – IL MAESTRO DI CERA 30

FRANK CARTER – IL MAESTRO DI CERA 30

MOMENTO POP – COLTA

MOMENTO POP – COLTA

Visita il nostro sito satirico: https://www.facebook.com/groups/1791129604449853/?fref=ts »

MALIZIOSA LAURA ANTONELLI

MALIZIOSA LAURA ANTONELLI

Laura Antonelli nasce a Pola, in Istria, nel 1941. In seguito la famiglia si trasferisce a Napoli, dove si laurea all’Isef e diventa insegnante di educazione fisica. Nel 1966 debutta al cinema con il Franco & Ciccio movie Le spie vengono dal semifreddo di Mario Bava, parodia spionistica nella quale recita pure Vincent Price nei panni del terribile dottor Goldfoot. In piena guerra fredda il dottor Goldfoot vuole provocare uno scontro tra Usa e Urss uccidendo generali per mezzo dei suoi robot dalle sembianze femminili (bomb girls). L’attore-cantante Fabian Forte è un agente segreto che si fa aiutare dai maldestri Franco e Ciccio, due portieri che vogliono diventare spie. Bava gira una parodia di 007 con pochi mezzi e molta inventiva. Per una giovanissima Laura Antonelli è il debutto asso... »

LE BORSE SONO I GIOIELLI DEL NOSTRO TEMPO

LE BORSE SONO I GIOIELLI DEL NOSTRO TEMPO

Le borse sono diventate i nuovi gioielli delle donne in un’epoca in cui è pericoloso indossare quelli veri. Vengono portate al braccio o a spalla oppure, quelle più piccole, in mano. Le prime borse erano state fatte per gli uomini, ma nel corso dei secoli sono diventate il più importante accessorio femminile. Le migliori borsette sono di fabbricazione europea. Pur essendo legate al volubile mondo della moda, alcune sono diventate l’oggetto più desiderato. Nel video sopra si vede come viene fabbricata una borsa di qualità. È necessaria una lavorazione artigianale estremamente accurata. Non sono ammessi errori perché la materia prima usata, in questo caso la pelle, si potrebbe graffiare o bucare e non può essere recuperata. La lavorazione viene fatta in Italia, in Francia oppure ... »

Pagina 3 di 5512345»