NELLA VITA CI VUOLE CULO

NELLA VITA CI VUOLE CULO

Il culo è la parte del corpo femminile preferita da molti uomini. I brasiliani in modo particolare amano i sederi ben torniti. Le ragazze brasiliane si esercitano nei balli latino americani che praticano fin da piccole: servono anche a rendere le natiche sode e alte.

Venere di Willendorf, Austria, 25mila anni fa

Già nelle prime rappresentazioni del corpo femminile il sedere era messo in risalto. La statuetta di una dea primitiva ritrovata in Austria è del 23.000 avanti Cristo circa. La donna rappresentata ha grandi tette e culo abbondante. Il grosso sedere segnala la presenza di un consistente strato di grasso che garantiva una riserva in caso di carestia e in caso di gravidanza. Nel corso dell’evoluzione le donne dotate di natiche abbondanti si sono dimostrate più adatte alla sopravvivenza. Un uomo che desiderava avere figli che gli sopravvivessero avrebbe avuto più possibilità scegliendo una donna con quel fisico: il motivo nascosto per cui un grosso culo ci attrae è la sopravvivenza della specie.

Venere Callipigia, dalle belle natiche

Migliaia di anni dopo la dea primitiva, anche i greci sentivano il fascino del bel deretano. Ma il sedere doveva essere contenuto per corrispondere ai loro criteri di bellezza. Nel museo archeologico di Napoli è esposta al pubblico la statua in marmo della dea Venere callipigia, copia romana di una statua greca. Callipigia significa dalla belle natiche. Il gesto di mostrare le natiche ha lo scopo di far vedere ai fedeli la bellezza e la perfezione della dea. Per i greci ciò che è bello e anche buono, quindi Venere era anche benevola.

Rubens, il giudizio di Paride

Verso la metà del 1600 la donna ideale aveva le gambe snelle, le braccia sottili, i seni alti e piccoli, e un grasso bianco deretano.

Il principe Camillo Borghese commissionò ad Antonio Canova il ritratto della moglie Paolina, sorella di Napoleone Bonaparte. Paolina aveva all’epoca sui 25 anni ed era all’apice della sua bellezza. Lo scivolamento della leggera veste che lascia intravedere il solco in mezzo ai glutei accentua tutta la sensualità dell’opera. Oggi la nostra idea di bellezza femminile non è poi molto cambiata.

Kim Kardashian

Il sedere grosso detto a cuscino piace a molti. Però deve essere senza cellulite e molto sodo: per averlo bello bisogna fare molta ginnastica.

La russa Anastasiya Kvitko

Anastasiya Kvitko è una ragazza di 21 anni, originaria di Kaliningra (Russia). Per le sue forme posteriori è considerata la Kim Kardashian russa.

Anastasiya Kvitko

Ha un sedere sodo, prorompente e la vita sottile.

Beyoncé

Beyoncè è molto brava a muovere il culo nel twerking, quel tipo di danza in cui i glutei si agitano con un movimento convulso.

Le artiste americane competono, oltre che con la voce e le canzoni, esibendosi in danze dove la prestanza fisica ha una grande importanza.


Rihanna ha fatto del culo uno strumento di lavoro. Anche lei ha un posteriore notevole. Sono stati avanzati dubbi dalla stampa sui culi come il suo, che potrebbero essere dovuti all’inserimento di protesi con operazioni di chirurgia plastica.

Jennifer Lopez

Jennifer Lopez ha un lato B a pera, cioè vita sottile con profilo arrotondato senza essere esagerato. È il classico sedere considerato molto femminile.

Elisaberra Canalis

Alcuni non amano i sederoni e preferiscono un culo sodo, alto, ben modellato ma piuttosto piccolo. È detto culo a pesca. Elisabetta Canalis ha un sedere di questo tipo.

Megan Fox in “Trasformers”

Anche Megan Fox in “Traformers” esibiva un sederino contenuto.

Irina Shayk, ex di Cristiano Ronaldo

Irina Shayk , ex del calciatore Cristiano Ronaldo, ha un posteriore alto e muscoloso. È considerata una delle donne più belle del mondo.

Rosie Huntington Whiteley, americana.

Rosie Huntington Whiteley, americana, ha sostituito Megan Fox nei Trasformers. Ha un fisico svelto e sinuoso con un sederino piccolo, alto e muscoloso.

Belen Rodriguez

La showgirl argentina Belen Rodriguez ha avuto un grandissimo successo in Italia. Il suo culo ha molto contribuito a darle popolarità.

Nel mondo dello spettacolo

Ci sono spettacoli per i quali un bel culo è fondamentale.

Le ragazze del Crazy Horse di Parigi sono selezionate per lo più fra le ballerine classiche. Devono muoversi tutte insieme. Sono di altezza media con seni piccoli e alti e culo piccolo, alto e muscoloso. Guadagnano molto bene facendo due spettacoli al giorno.

Dita Von Teese, la diva del Burlesque, si esibisce in una reinterpretazione di Marilyn Monroe in “The diamonds are a girl’s best friend” cioè i diamanti sono i migliori amici di una ragazza.

Charlize Theron mostra il suo culetto in una famosa pubblicità della Martini.

I manifesti che hanno lasciato il segno

Nel 1973 Oliviero Toscani fotografò il culo della modella Donna Jordan, che indossava un paio di ridottissimi jeans della Jesus. Sopra la foto compariva il detto evangelico “Chi mi ama mi segua”. Il lancio pubblicitario fu un grande successo. Tutti ne parlarono. Questo manifesto segnò l’inizio di campagne pubblicitarie sempre più aggressive e dissacranti.

Michelle Hunziker, pubblicità per l’intimo Roberta

La diciassettenne Michelle Unziker posò, nel 1995, per la campagna pubblicitaria di una azienda di biancheria intima. I grandi manifesti che la raffiguravano vennero messi anche lungo le autostrade. Forse anche a causa di questo manifesto venne fatta una legge che proibiva di mettere manifesti pubblicitari sulle autostrade perché distraevano gli automobilisti.

Brasile

Finaliste miss bumbum 2016

Ogni anno si svolge nella città di San Paolo il concorso “miss bumbum”, per il culo più bello. Quest’anno la gara partirà il 7 agosto. Quelle che vedete sono le finaliste dell’anno scorso, cioè del 2016.

Erika Canela, miss bum bum 2016

Erika Canela è la miss bumbum del 2016.

Le 15 finaliste di miss bumbum 2013

Le 15 finaliste di miss bumbum 2013.

Miss bum bum 2015 Susy Cortez

La vincitrice del concorso miss bum bum 2015 Suzy Cortez.

Alice B, romana, parteciperà quest’anno al concorso miss bum bum 2017

Quest’anno parteciperà al concorso miss bum bum 2017 la romana Alice B. Ritiene di doversi ancora esercitare per competere con le brasiliane.

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*