MANGASIA, NON SOLO FUMETTI GIAPPONESI

MANGASIA, NON SOLO FUMETTI GIAPPONESI

Inaugurata ieri al Palazzo delle Esposizioni a Roma la grande mostra Mangasia: Wonderlands of Asian Comics.

mangasia

Du Gu, Zao Dao, 2014

La mostra, visitabile dal 7 ottobre 2017 al 21 gennaio 2018, presenta oltre 300 opere tra autori di fumetti, film di animazione e artisti, attraverso un’ampia selezione di tavole originali, volumi di fumetti asiatici, sceneggiature, schizzi e layout delle pagine finite, ma anche video e opere d’arte ispirate ai manga, dando spazio ai precursori del fumetto individuati nelle tradizioni asiatiche delle arti visive narrative.

Mangasia: Wonderlands of Asian Comics raccoglie una vasta e importante selezione di tavole originali e volumi di fumetti asiatici, molti dei quali esposti di rado persino nei paesi d’origine.

Prima nel suo genere, Mangasia traccia l’evoluzione dell’arte del fumetto in tutta l’Asia, analizzando il modo in cui le diverse creatività e culture si intrecciano e si influenzano a vicenda.

Partendo dalle radici storiche per arrivare fino alle più recenti innovazioni digitali, la mostra offre un’interessante panoramica della cultura del fumetto in Asia riservando una particolare attenzione agli autori e ai personaggi più celebri, senza trascurare le riviste, le graphic novel, i prodotti multimediali e altri temi collegati.

mangasia

La mostra, come detto, si concentra sul processo creativo che sottende alla produzione di un fumetto, offrendo in visione le sceneggiature, gli schizzi e i layout delle pagine finite.

Curata da Paul Gravett e da un team di oltre venti esperti, Mangasia: Wonderlands of Asian Comics esplora l’intero territorio di questo continente attraverso opere provenienti da Giappone, Corea del Nord e Corea del Sud, India, Cina, Taiwan, Hong Kong, Indonesia, Malesia, Filippine e Singapore, e da culture del fumetto emergenti come Bhutan, Cambogia, Timor Est, Mongolia e Vietnam.

“The Mythology Class,” un fumetto filippino del 1999 di Arnold Arre

La mostra è articolata in sei percorsi tematici: Mappare Mangasia introduce i visitatori nel mondo del fumetto asiatico presentandone stili e generi; Favole e folclore analizza il rapporto tra fumetti, leggende e religioni dei vari paesi; Ricreare e rivisitare il passato presenta i fumetti che raccontano episodi storici del passato e del presente; Storie e narratori apre una finestra sulla realtà degli autori di fumetti, sottolineando le differenze tra i vari paesi; Censura e sensibilità è dedicato ai fumetti dai contenuti più controversi riguardanti la politica, la sessualità e la violenza; Manga multimediali è una celebrazione del fumetto come parte integrante della cultura transmediale globale e fonte d’ispirazione per gli anime, il cinema, la moda e l’arte contemporanea.

mangasia
Il Barbican Centre ha commissionato una speciale installazione realizzata da Shōji Kawamori, mecha designer di successo, celebre per il suo lavoro in Macross e per il cane robot AIBO della Sony. Il Mechasobi consentirà ai visitatori di pilotare un gigantesco mecha progettato appositamente per Mangasia utilizzando la tecnologia del body tracking.

GUARDA IL VIDEO

mangasia

Hokusai ‘Broken Plates’

A chi visiterà la mostra Mangasia: Wonderlands of Asian Comics, non potrà sfuggire una bambola gonfiabile gigante.
L’opera, il cui titolo è In giro sulla nave fantasma (2014), è dedicata alle anime dei defunti.

Spiega l’autrice, l’artista giapponese Takano Aya: “Quest’opera è stata realizzata per un museo che si trova nella zona colpita dal terremoto del 2011, nel Nordest del Giappone. L’ho realizzata per commemorare e dare serenità alle anime di coloro che hanno perso la vita in quel disastro. L’ispirazione di quest’opera viene da un rituale per commemorare e augurare la pace all’anima dei defunti”.

“In questo rituale una barca, decorata con motivi floreali e con un uccello, viene fatta navigare su un fiume e alla fine viene bruciata in modo che si cancelli la materialità. L’opera si ispira proprio a questa barca”.

Si tratta della prima volta che viene presentata nell’ambito di una mostra dedicata al manga e all’animazione: “Nello stesso modo in cui oggi esiste la realtà virtuale e la realtà aumentata dei Pokemon Go, noi abbiamo vissuto, almeno la nostra generazione, in un contesto simile, un contesto in cui la nostra realtà si sovrapponeva alla realtà che nasceva dai cartoni animati, dal fumetto e quindi l’immaginario del manga è parte integrante del nostro vissuto, del nostro paesaggio, e per questo è naturale che nasca per me una forma di arte di questo genere”.

Incontri a Mangasia

Per milioni di lettori il fumetto è una dimensione vitale, un luogo dell’immaginazione in cui immedesimarsi e muoversi.
Una dimensione nella quale fatti e personaggi diventano “reali”, come in un film o un romanzo.

Questo modo viscerale di vivere il fumetto è ancora più forte nei paesi asiatici, soprattutto in Giappone, nei quali il consumo culturale di manga interessa tutte le fasce di età e di gusto, e il disegno è una componente della vita quotidiana e dell’organizzazione urbana: dalla scuola alla polizia, dalla pubblicità alla moda, tutti utilizzano i fumetti per comunicare.

In occasione della mostra Mangasia: Wonderlands of Asian Comics, il Palazzo delle Esposizioni ha invitato alcuni tra i maggiori esperti, disegnatori, sceneggiatori, editor e traduttori di manga attivi in Italia a condividere le loro esperienze e ricerche, per uno sguardo inedito sull’immaginario asiatico e sulla grande influenza che ha in Italia, non solo nell’ambito del fumetto.

magasia

12 ottobre, ore 18.30

GIAPPONE E ITALIA, GENERAZIONI A CONFRONTO DALLE ORIGINI ALL’EUROMANGA
Yoshiko Watanabe e Arianna Rea, conduce Marco Vignati
in collaborazione con la Scuola Romana dei Fumetti

magasia

Garudayana © Is Yuniarto

26 ottobre, ore 18.30

MANGA QUOTIDIANO
Francesca Scotti

magasia

Leiji Family © Leiji Matsumoto

23 novembre, ore 18.30

MANGA REVOLUTION
Sabrina Perucca e Sergio Algozzino
in collaborazione con Romics

magasia

Star Punch Girl © Sphinx Scribble

9 novembre, ore 18.30

LE REGOLE DELLA FANTASIA: IL FASCINO DELLO STORYTELLING NEI MANGA
Elena Zanzi

mangasia

The Grand Legend ® Is Yuniarto

30 novembre, ore 18.30

LA VOCE DEI MANGA
Federica Lippi

mangasia

viva! volleyball JAPAN ® ide chikae

7 dicembre, ore 18.30

ACCELERAZIONI VISIVE, RACCONTARE LA VELOCITÀ A FUMETTI
Lorenzo Ceccotti e Alessandro Ruggieri
in collaborazione con la Scuola Romana dei Fumetti

 

14 dicembre, ore 18.30

FENOMENO GIAPPONE
Sabrina Perucca, David Vecchiato, Jun Ishikawa,
Valentino Notari e Desirè Tirolo in collaborazione con Romics

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*