L’INQUIETANTE LIO

L’INQUIETANTE LIO

Lio è un bambino che vive in un mondo tutto suo, fatto di mostri, alieni e robot. Il mondo di noialtri che, da piccoli, non ci entusiasmavamo alle partite di calcio e non stravedevamo per le moto di grossa cilindrata.

Le brevissime avventure comiche di Lio vengono pubblicate dal 2006 in circa cento quotidiani americani (non moltissimi), mentre in Italia sono del tutto sconosciute benché, essendo strisce mute, non dovrebbero nemmeno essere tradotte.

mark-tatulli-1-71e68360460e021a

I fumetti nascono nei quotidiani americani alla fine dell’ottocento: prima stampati a colori nei supplementi domenicali, e poi anche in bianco e nero all’interno dei giornali. Se un tempo la pagina di un quotidiano conteneva sei grandi strisce, oggi, con un formato per lo più ridotto rispetto al passato, ne contiene a decine.

Questo significa che gli autori guadagnano sempre meno, dovendo dividere i ricavi con tanti colleghi. Di conseguenza, la qualità del fumetto sindacato (i syndacate sono le agenzie che distribuiscono contenuti di vario genere ai quotidiani) è crollata verticalmente. Sia per i disegni, sempre più rimpiccioliti, sia per i testi. Anche perché gli autori non possono più permettersi dei collaboratori che li aiutino a sfornare una gag dopo l’altra.

schermata-2016-09-10-a-15-36-57

Lio di Mark Tatulli è l’ultima striscia in bianco e nero, anche se esiste una versione “violacea” adottata da alcuni quotidiani come il Los Angeles Times

I compensi sono ormai così bassi che l’autore di Lio, Mark Tatulli (nato nel 1963), deve scrivere e disegnare anche un’altra striscia più tradizionale incentrata su una ragazzina, intitolata Heart of the City. Non stupisce, quindi, che mediamente solo una striscia di Lio alla settimana faccia ridere davvero.

Questa situazione è considerata accettabile da quando Charles Schulz, oltre ad avere imposto uno stile piuttosto abbozzato, ha sdoganato le strisce “poetiche”, cioè che non fanno sempre ridere. A differenza del creatore di Charlie Brown e Snoopy, gli autori che sfruttano questa tendenza non sono quasi mai dei geni. Anche Tatulli, che pure bravo è, ne approfitta a man bassa. D’altra parte il superlavoro necessario per sfornare due strisce al giorno non gli permetterebbe di fare altrimenti.

Qui sopra, Lio (orfano di madre) con le sezioni dell’edizione domenicale del quotidiano, divise tra il suo perennemente trasandato padre e Ishmael, l’amico calamaro gigante.

Lio
Le strisce più divertenti di Lio sono quelle surreali. Sopra vediamo una tavola domenicale a colori, sotto alcune strisce dello stesso genere.

bd9dd4d0cec001334a25005056a9545d

b86cfb701c8e0134771b005056a9545d

f616891031c601348ee8005056a9545d

be19de9042480134a185005056a9545d

053d6b20664a01331a0e005056a9545d

1fc8f070e7ff0132e726005056a9545d
Dispettoso con le ragazzine belle e giudiziose…

5bd44570f54401335a9c005056a9545d

… Lio è affettuoso con Eva, un mostriciattolo pestifero che lo disprezza.

fd1953e031c601348ee8005056a9545d

Lio
Gli altri mostri che Lio deve affrontare sono più tradizionali.

Lio
2ada999060c0013314f4005056a9545d
499f1c10c56a0132d970005056a9545d
Nessun mostro, comunque, è così terribile come la scuola. Benché, da parte sua, la scuola si considera la vittima.

Lio
Tutto sarebbe più semplice se, grazie a uno spray magico, Lio diventasse un bambino come gli altri…

dd6211d013bf0133f768005056a9545d

… invece di essere il fetente che è.
46aeb300358a01330436005056a9545d

Precoce “mad doctor”, Lio è un esperto di tutte le scienze, in particolare di robotica.

f9de6280e504013353a8005056a9545d

f33c8680036801346078005056a9545d

a1268350b4a70132d1fb005056a9545d
Come tutti noi, nerd nell’infanzia, il sogno nel cassetto di Lio è distruggere il mondo…

53f948c05b43013312bf005056a9545d

Lio

… anche se poi dovrà scontarla duramente, con un’oretta di castigo.

In ogni caso, non c’è niente di male nel prendersi qualche piccolo sfizio nei confronti dei coetanei “normali”.

Lio
Nelle strisce di Lio fanno spesso la comparsa gli altri personaggi della pagina dei fumetti. Qui vediamo, ridotti a zombi, i vetusti Hagar, Hi, Dagobert, Charlie Brown e B.C.

4fae877099f70132c82d005056a9545d
A proposito, Lio è sicuramente il figlio perverso di Calvin e Hobbes, i protagonisti della migliore striscia americana degli ultimi decenni.

Lo stesso Lio ha trovato i miseri resti dei due celebri personaggi di Bill Watterson, scomparsi da tempo…

theres-corpses-everywhere-yet-another-lio-collection_thumb

(Per chi volesse conoscere la storia del fumetto sindacato, rimando a un post del mio blog: http://sauropennacchioli.blogspot.it/2015/11/striptease.html)

Contatto E-mail: info@giornale.pop

4 commenti

  1. Molto interessante ! Mi piace questo personaggio.

  2. Belloooo… non lo conoscevo!! 🙂

  3. bellissimo articolo la striscia la posso aver vista su qualche Smemo o Comix?

    • Mah, io questa strip non l’ho mai vista in Italia. D’altra parte sono anni che non guardo quelle agende, pur essendo stato tra gli ideatori della prima. Se qualcuno ne sa di più sulla eventuale presenza di Lio in Italia lo dica, che lo scrivo nell’articolo.

Invia una risposta a Pietro Vanessi PV Cancella commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*