LES JEUX SONT FAITS, LA JUVENTUS VA A CARDIFF

LES JEUX SONT FAITS, LA JUVENTUS VA A CARDIFF

Allo Stadium di Torino, gara di ritorno della semifinale di Uefa Champions League tra la Juventus e i francesi del Monaco. La partita di andata, giocata a Montecarlo, aveva visto i bianconeri sbancare lo Stadio Louis II grazie ad una doppietta del Pipita Higuain.
Mister Allegri, che non ha a disposizione Pjaca e Rugani, conferma gli stessi undici della gara d’andata con l’unica eccezione del rientrante Khedira al posto di Marchisio.

Formazioni delle squadre
Juventus: Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Pjanic, Khedira; Dani Alves, Dybala, Mandzukic; Higuain.
Monaco: Subasic; Raggi, Glik, Jemerson, Sidibe; Bernardo Silva, Moutinho, Bakayoko, Mendy; Falcao, Mbappè.

I monegaschi iniziano molto bene la sfida e mettono una certa preoccupazione alla retroguardia avversaria nella prima parte di gara. I padroni di casa faticano nel fraseggio ed inoltre Khedira deve uscire per infortunio; al suo posto in campo Marchisio. L’inerzia cambia dopo circa venti minuti di gioco, quando Higuain si trova da solo davanti al portiere Subasic, ma sbaglia il tocco sotto. I bianconeri si scuotono e sfiorano la rete ripetutamente con Mandzukic e Pjanic. Al 33′ l’undici di Allegri va in vantaggio. Dal lato destro il solito Dani Alves fa piovere un cross di precisione millimetrica sulla testa di Mandzukic che schiaccia verso la porta, Subasic para, ma Mandzukic riprende la sfera e la mette sotto la traversa. 1-0 per la Juventus. Il Monaco vede ulteriormente ridimensionarsi le proprie speranze di rimonta. Dybala sbaglia il raddoppio, ma prima dell’intervallo la Juve centra il 2-0 con una spettacolare conclusione al volo da fuori area di Dani Alves.

Il secondo tempo scivola senza sussulti fino a venti minuti dal termine, quando Mbappè sigla sottorete il 2-1. Cuadrado entra per Dybala. Jardim butta nella mischia Fabinho, Lemar e Germain.

L’intervento di Glik su Higuain a terra

Finale spigoloso innescato da una “passeggiata” di Glik sul ginocchio di Higuain a terra. Vola qualche colpo proibito di troppo, ma il direttore di gara riesce a condurre in porto la partita senza espellere nessuno. Al triplice fischio il risultato è 2-1, per un computo totale di 4-1 a favore della Vecchia Signora.

Non è stata una gara semplice per la squadra di Allegri. Il Monaco, pur sotto nel punteggio, ha venduto cara la pelle e, nonostante la sua giovanissima età, Mbappè si è dimostrato un brutto cliente anche per una difesa di ferro come quella bianconera.

Tutti i giocatori della Juve sono stati all’altezza di una semifinale di Champions, anche se sembra giusto attribuire una speciale nota di merito a Dani Alves. Unica nota negativa per l’undici bianconero quella di aver fallito troppe occasioni da rete durante il primo tempo.

La finalissima di Champions League si disputerà a Cardiff il 3 di giugno. La Juventus affronterà la vincente della doppia sfida tra Real Madrid ed Atletico Madrid. Il Real vinse 3-0 la gara di andata. Domani è in programma il ritorno al Vicente Calderón.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*