VIGNETTE CONTRO LE LEGGI RAZZIALI

VIGNETTE CONTRO LE LEGGI RAZZIALI

Dal 12 aprile 2018 al primo giugno sono esposte nell’evocativo Museo del Carcere Le Nuove di Torino 160 opere di altrettanti autori chiamati a raccontare a modo loro gli ottanta anni dalle Leggi Razziali.


Le Leggi Razziali furono varate infatti con il Decreto Legge n. 1728 del 17 novembre 1938 (“XVII dell’Era Fascista”). Chi volesse conoscerne nel dettaglio gli articoli, li può trovare qui. In Italia gli ebrei erano pressappoco 47mila su una popolazione di 41 milioni di abitanti.


L’antisemitismo (ostilità contro gli ebrei) divenne un modo per cementare l’alleanza con la Germania nazista. Nei primi mesi del 1938 pure in Italia fu orchestrata una violenta campagna antisemita che portò di lì a poco il regime fascista a promulgare le Leggi Razziali, nelle quali si sosteneva che gli ebrei non erano mai stati italiani.

Con le “leggi razziali” gli ebrei vennero messi ai margini della società italiana

Da quel momento agli ebrei non fu più consentito di lavorare nelle amministrazioni pubbliche, insegnare o studiare in scuole e università italiane, far parte dell’esercito, gestire alcune attività economiche e commerciali che il fascismo giudicava “strategiche” per la nazione. Di anno in anno le misure contro gli ebrei diventarono sempre più dure finché, nel 1943, con l’occupazione tedesca dell’Italia del Centro-Nord, anche gli ebrei italiani cominciarono a essere deportati nei campi di sterminio nazisti.

La mostra, ideata da Roberto Genovesi e allestita da Marina Polla De Luca, è stata prodotta e organizzata dalla RAI attraverso il suo festival Cartoons on the Bay avvalendosi della consulenza editoriale di Mauro Uzzeo di ARFestival  e ha coinvolto fumettisti, vignettisti e illustratori di tutta Italia; è stato realizzato un catalogo, prodotto, stampato e distribuito dalla RAI, che verrà spedito a tutti gli autori e dovrebbe poi essere distribuito in occasione delle due citate manifestazioni. Qui sotto il manifesto illustrato da Giorgio Cavazzano, seguito da alcune foto scattate dagli organizzatori nel giorno dell’inaugurazione.

Ecco alcune delle opere “in originale”, cioè come sono state postate in rete dai singoli autori.

Daniel Cuello

Davide De Cubellis

Dentiblù

Fabio Celoni

Luca Enoch

Luca Ralli

Mirco & Maicol

Marcello

Mario Alberti

Mauro Biani

Gigi Simeoni

Michele Benevento

Michele Rubini

Pierz

Rita Petruccioli

Sara Pichelli

Stefano Antonucci

Alberto Pagliaro

Alberto Corradi

Eugenio Sicomoro

Giancarlo Olivares

Simone Angelini

Roberto Zaghi

Stefano Casini

Daniela Dimat

Fabio Mantovani

Francesco “Ausonia” Ciampi

Francesco Biagini

Francesco Sudario Brando

French Carlomagno

Giulio Rincione

Isabella Mazzanti

Laura Scarpa

Lola Airaghi

Lorenzo Palloni

Marco K Galli

Michele Petrucci

Thomas Campi

Valerio Schiti

Vanessa Cardinali

Werther Dall’Edera

Gianluca Cestaro

Nel manifesto qui sotto, l’elenco completo degli autori.

2 commenti

  1. Esiste un catalogo? E come mai i nomi dei partecipanti sono scritti così alla rinfusa, col cognome prima del nome e senza un ordine apparente?

  2. Domande a cui possono rispondere solo gli organizzatori. Se hai tra i tuoi contatti Mauro Uzzeo, prova a chiedere a lui. O contatta i responsabili del sito di ARFestival o di quello di Cartoons on the Bay.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*