LE TETTE DEL SOLDATO SALLY FORTH

LE TETTE DEL SOLDATO SALLY FORTH

Gli Stati Uniti d’America hanno una storia breve, ma burrascosa. Una serie interminabile di conflitti più o meno su larga scala ha portato alla costituzione di un grande e potente esercito. Ai ragazzi in piena tempesta ormonale che ne fanno parte sono stati indirizzati diversi fumetti con protagoniste femminili: su tutti ricordiamo Male Call, la strip vagamente erotica creata da Milton Caniff durante la Seconda guerra mondiale.

Qui, però, tratteremo di un personaggio più recente: Sally Forth. La sua vicenda comincia nel giugno del 1968 sulla rivista Military News in una storiella di quattro paginette. L’autore non è uno sconosciuto, si tratta di Wallace “Wally” Wood (1927-1981), un artista di livello eccellente ricordato soprattutto per i suoi lavori alla Marvel e alla Dc Comics.
Sally non è destinata al cestino della carta straccia e il 26 luglio 1971 ritorna sulle pagine di Overseasy Weekly, un tabloid stampato per le truppe dislocate fuori dal territorio degli Stati Uniti.

Stavolta le intenzioni di Wood sono più serie, per questo chiede la collaborazione di alcuni suoi amici del settore come Nick Cuti, Paul Kirchner e Larry Hama. Gli argomenti narrativi (e, come vedremo, non solo quelli) diventano un poco più solidi e Sally incontra i favori del pubblico al quale è destinata, tanto da durare per circa tre anni: fino al 22 aprile 1974.
Qualche tempo dopo Wood raccoglie le storie in quattro albi oversize.

Dal 1993 al 1995, lo scrittore ed editore Bill Pearson, amico di Wood e vecchio collaboratore del suo studio, rimonta le strisce in una serie di fumetti pubblicati da Eros Comix, un marchio della Fantagraphics Books. Nel 1998, lo stesso Pearson raccoglie l’intera serie in un unico volume di 160 pagine pubblicato da Fantagraphics.

L’interesse dei lettori per la striscia è dovuto essenzialmente alle nudità di Sally (che la ragazza esibisce senza particolari inibizioni) e in generale di tutte le figure femminili che compaiono nelle storie. Ufficialmente la recluta Forth, prototipo della biondona procace e svampita, è un membro dell’esercito statunitense ma le sue mansioni di fan service e di distrazione dei maschi nemici sono abbastanza chiare.

Infatti, per un motivo o per un altro, Sally Forth si trova spesso senza vestiti addosso. Spesso le situazioni sono forzate e pretestuose, ma il candore con cui la sexy Sally sfoggia le sue armi di seduzione fanno passare in secondo piano questo aspetto.

Anche se il titolo si riferisce alla ragazza, i veri protagonisti dovrebbero essere QP Dahl, il comandante dell’unità dalla statura e dall’aspetto decisamente bambinesco; Wild Bill Yonder, pilota della squadra; Kicky McCann, esperto di arti marziali; e Hairy James, esperto di armi e demolizioni.

A loro si unisce un improbabile marziano di nome Snorky, la cui presenza nelle storie resta un po’ misteriosa. Almeno fino a un certo punto, dato che le vicende, teoricamente di carattere militare, sfociano spesso nel fantastico e nel parodistico in stile Mad (del quale Wood è stato tra i fondatori).

Malgrado le scene d’azione comico-avventurose con tutti questi personaggi maschili, i lettori attendono con ansia solo il momento in cui, con tutto il candore del mondo, Sally tira fuori le tette. Anche se Wally Wood non calca mai troppo la mano, dato che, malgrado tutto, pubblica pur sempre in una rivista militare.

Vignetta iniziale di una delle due ultime storie a carattere pornografico di Sally Forth, nelle quali, tra l’altro, mostra per la prima volta i peli pubici

Wally Wood pubblica infine due storie esplicitamente pornografiche di Sally Forth nei primi due numeri della rivista per adulti Gang Bang. È il 1981, anno in cui l’autore si suicida a causa di problemi agli occhi che gli rendono difficile disegnare ancora.
Mentre per tutta la precedente durata della striscia non c’è stato niente di più sessuale di qualche innocente flirt. Sally è esplicitamente ingenua e le sue imprese sono un divertimento bonario.

Se Sally Forth fosse esistita veramente ci piace immaginare che, con la sua semplice presenza, avrebbe impedito che molte guerre scoppiassero.

Una raccolta degli episodi del personaggio di Wally Wood

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*