LARRAZ TRA EROTISMO E HORROR

LARRAZ TRA EROTISMO E HORROR

SOLO PER ADULTI – José Ramón Larraz (Barcellona, 1929 – Malaga, 2013) era un regista spagnolo che ha lavorato molto in Inghilterra spesso firmando le sue opere con pseudonimi e abbreviativi: Joseph Braunstein, Joseph L. Bronstein, José L. Gil, J.R. Larrath, Joseph Larraz, José R. Larraz e José Larraz. In Italia lo ricordiamo come disegnatore di fumetti, soprattutto per l’Uomo Mascherato dei Fratelli Spada.

Un fumetto disegnato da Larraz pubblicato in Spagna

José Ramón Larraz è stato uno dei principali esponenti della sexploitation spagnola realizzando una serie di pellicole horror di buon valore. I suoi film presentano un’atmosfera inquietante e morbosa, sono girati in interni claustrofobici e presentano espliciti riferimenti erotici. Si tratta di pellicole a forti tinte che coniugano orrore ed erotismo ossessivo, girate con perizia e montate in modo da eliminare i tempi morti.

José Ramón Larraz (1929-2013) durante una battuta di caccia… alle zombie

In Italia ricordiamo La morte incerta (1973), con una grande Rosalba Neri nel ruolo dell’amante vendicativa. Larraz ha girato molti film a base di sesso e violenza, non tutti ad alti livelli. Basti pensare al modesto L’ombra dell’assassino (1973) e allo slasher La danza del diavolo (1990). Mentre Ossessione carnale (noto anche come Vampyres) (1974) è uno dei suoi horror morbosi più convincenti, realizzato in Inghilterra come molti altri film, racconta di due vampire lesbiche e vendicative. Ossessione carnale è girato in economia, ma è un buon film dell’orrore, pieno di simbolismi e note psicanalitiche, soprattutto ben fotografato. Una caratteristica di Larraz è quella di creare interni cupi e angoscianti, ben valorizzati da un’ottima fotografia e da una musica ossessiva. Il noto critico italiano Paolo Mereghetti cita soltanto questo film di Larraz nel suo monumentale Dizionario, ma lo fa per stroncarlo senza appello e per dire che tutto è lento, macchinoso e prevedibile.


Il capolavoro riconosciuto del regista spagnolo è Symptoms l’incubo dei sensi (1974), presentato a Cannes. Un horror sofisticato, girato nella campagna inglese, ben recitato da Angela Pleasence (figlia di Donald) e da Lorna Heilbron, nella parte di due amiche dedite all’omicidio.

“Whirlpool” (1970) è stato il primo fil girato da José Ramón Larraz

Soffermiamoci su tre film erotici conditi da situazioni esplicite, ma molto diversi tra loro, come Malizia erotica (1979), interpretato da Gabriele Tinti, Laura Gemser e Barbara Rey; Lady Lucifera (1979), interpretato dalla sensuale Carmen Villani; I riti sessuali del diavolo (1982), uno dei più riusciti.

MALIZIA EROTICA (1979)

Regia: José Ramón Larraz. Soggetto e Sceneggiatura: Sergio Garrone. Fotografia: Roberto Girometti. Musica: Ubaldo Continiello. Scenografia: Franco Bottari. Interpreti: Gabriele Tinti, Laura Gemser, Barbara Rey, Mila Stanic, José Sazatornil, Angel Herrailz, Alfred Lucchetti, Daniele Vargas, Amparo Moreno, Jaime Mir Ferri.

Malizia erotica ha come titolo originale il più attinente, ma poco intrigante, El periscopio.
Laura Gemser è la mattatrice della pellicola, impegnata in un ruolo erotico insieme al marito Gabriele Tinti, Barbara Rey, Daniele Vargas e Mila Stanic. Tanto per cambiare si tratta di una storia di lesbiche, situazione erotica che vede spesso coinvolta la Gemser, sempre brava e credibile nelle parti torbide.

Barbara Rey e Laura Gemser

L’adolescente di un’ipocrita famiglia borghese invece di studiare compra un periscopio per spiare le vicine lesbiche (Gemser e Rey). Il ragazzino scopre il sesso spiandole con il periscopio e alla fine abbandona il mondo dell’infanzia prendendo parte ai giochi amorosi. Il finale mostra come le due donne riescono a far scoprire le gioie del sesso a un adolescente che non ha più bisogno del periscopio, ma preferisce toccare le gambe delle compagne di scuola. Le due lesbiche si vendicano della madre del ragazzo che le trattava con supponenza, rubandole con l’inganno una pelliccia di visone acquistata grazie ai soldi dell’amante.

Il film è poco visto ma va riscoperto, magari ricorrendo all’home video. Ne vale la pena perché il tasso di malizia erotica e la sconvolgente bellezza di Laura Gemser e di Barbara Rey lo meritano. Da segnalare la presenza di numerosi (e fastidiosi) inserti porno che non hanno niente a che vedere con il film e che sono stati messi nella pellicola all’insaputa delle attrici. Si nota lo stacco deciso e la diversa fotografia in alcune scene che passano improvvisamente dal soft all’hard.


Laura Gemser è stupenda in un paio di spogliarelli che la mostrano in biancheria intima bianca e lunghe calze sorrette da giarrettiere provocanti. La sua pelle ambrata è esaltata dal contrasto di colore. I rapporti lesbici tra le infermiere sono il sale del film: la Gemser bacia in bocca la Rey con naturalezza, lecca la pelle bianchissima della compagna, morde i capezzoli e infine perlustra l’interno delle cosce in una sequenza ad alta gradazione erotica.

José Ramón Larraz non è un esperto di commedia sexy, ma è un buon regista di horror morboso che contamina con erotismo esplicito. In questo film siamo ai limiti del porno e non servono gli inserti che non c’entrano niente con la pellicola. L’erotismo del film è spezzato da alcune parti comiche e da brevi momenti di critica sociale contro il perbenismo piccolo borghese.


La famiglia del ragazzo è un esempio eclatante di vizi privati e pubbliche virtù. Il padre frequenta un parrucchiere omosessuale e diventa cieco a forza di prendere tinture e ormoni per arrestare la caduta dei capelli. La madre che critica il rapporto saffico delle infermiere frequenta un ricco amante per comprarsi la pelliccia di visone. La casa editrice per cui lavora il padre del ragazzo ritira dal mercato un libro perché ci sono molte scene di sesso: “Combattiamo contro la valanga lasciva che invade il nostro paese”, dice l’editore. Larraz punta il dito accusatore sul finto moralismo: un partecipante alla riunione afferma di essere contento che si vedano tante donne nude sulle riviste, ma viene subito zittito.


Il ragazzino e il suo periscopio sono l’occhio dello spettatore che scruta da un metaforico buco della chiave. Laura Gemser in completo da notte di colore giallo vivo è uno spettacolo mentre si masturba e il ragazzino fa altrettanto al piano di sotto. Una bella parte onirica mostra i sogni del ragazzo con le due infermiere che fanno l’amore sul letto in una totale confusione di corpi. Alla fine del sogno il ragazzo si sente male e la madre è così preoccupata da chiamare Laura Gemser per curarlo. La bella indonesiana comprende che si tratta di “incerti dell’adolescenza” e di “polluzioni mancate”. Provvede senza esitazioni a rimettere in sesto l’ammalato. Pure qui c’è un inserto porno che rende esplicita la masturbazione praticata dall’infermiera, ma la scena girata da Larraz è di per sé molto spinta.

La Gemser scopre il periscopio e denuncia i fatti al padre che rimprovera suo figlio. La mamma incolpa la relazione saffica delle due “svergognate”, afferma che lei non ha niente da nascondere, anche se poi il giorno dopo compra la pelliccia con i soldi dell’amante. Il ragazzino viene circuito da Barbara Rey che lo fa ubriacare e se lo porta a letto. Ottimo anche l’inserimento di Laura Gemser tra i due amanti, con un nuovo sensuale spogliarello davanti al giovane che la guarda estasiato e la divora con gli occhi. Questa parte erotica è ben fatta e la Gemser vestita in biancheria intima di colore bianco fa una gran figura. Alla fine le due donne “fanno diventare uomo” il ragazzo.


La vendetta delle infermiere nei confronti della mamma è completa quando si prendono la pelliccia di visone che lei non può reclamare. La donna aveva detto al marito di avere trovato un biglietto del banco dei pegni: solo in quel modo poteva portare a casa una pelliccia comprata con i soldi dell’amante.

José Ramón Larraz firma una buona pellicola erotica che si avvale della notevole interpretazione di due bellezze complementari come Laura Gemser e Barbara Rey. Le affinità autorali tra Larraz e Joe D’Amato trovano consacrazione nella scelta di un’attrice simbolo del cinema di Massaccesi e della sexploitation italiana.

LADY LUCIFERA (1980)

José Ramón Larraz è un ottimo regista horror, abile nel contaminare pellicole angoscianti e claustrofobiche di torbido erotismo, ma non è l’autore più adatto per realizzare un film comico.

Polvos mágicos (1980), noto in Italia come Lady Lucifera, rappresenta un’eccezione alla sua vasta filmografia. La storia è scritta da Mauro Ivaldi, che esporta la moglie Carmen Villani in Spagna per un ciclo di film commissionati dalla televisione iberica. I restanti lavori sono firmati da Ivaldi: Los lios de Estefania (1983), La casada divertida (1983) e Una spia enamorada (1983).


Si tratta di commedie classiche mai uscite in Italia, la serie dovrebbe continuare sino ad arrivare a dieci, poi Ivaldi viene chiamato a Los Angeles per girare il primo film americano. Purtroppo la sua morte improvvisa infrange molti sogni e la carriera artistica di Carmen Villani si interrompe. La Villani confessa a Manlio Gomarasca e Davide Pulici, intervistata per il volume 99 Donne, che odia veder pubblicati i fotogrammi erotici dei suoi film: sono immagini da vedere in movimento, collegate al resto della pellicola, fuori dal contesto possono risultare volgari. Il film che più ama è questa pellicola uscita in Spagna, che riscuote buoni consensi di pubblico, soprattutto per la presenza del popolare Alfredo Landa.


Polvos mágicos
o Lady Lucifera, ho dovuto vederla nella versione originale spagnola, ma è stata una vera delusione. Il tono del film è comico: vorrebbe essere la storia esilarante di una famiglia di diavoli, ma resta un prodotto ibrido che strappa pochi sorrisi.
Alfredo Landa (Arturo) è l’interprete principale e il bravo attore spagnolo salva spesso la situazione, ma ha come spalla un modesto Vincenzo Crocitti (Paco) nel ruolo più importante della sua carriera. Carmen Villani (Sulfurina) si spoglia poco o niente, la pellicola non presenta il minimo tasso erotico, se escludiamo qualche accenno lesbico e un paio di rapide nudità, per altro mai integrali. Il resto del cast è buono, soprattutto Elisa Montés (Alterta), ma se la cavano pure Carmen de Lirio, José Maria Caffarel, Carlos Lucena, Eduardo Fajardo, Assumpta Serna, Maria Vico, Trini Alonso e José Nieto.

Il problema è la storia, del tutto fuori dalle corde di José Ramón Larraz, magari adatta per Mauro Ivaldi, ma in ogni caso poco solida e mal strutturata. Si tratta di un horror comico sostenuto dalla verve di Alfredo Landa e dagli sguardi stralunati di Vincenzo Crocitti che parte da una situazione surreale.


Carmen Villani è Sulfurina, figlia di un diavolo, destinata a restare per sempre giovane solo se sacrificherà a Satana i suoi mariti. Crocitti e Landa, giunti al castello di Sulfurina, si rendono subito conto che qualcosa non va perché ci sono candele nere, teschi che parlano, camere con vista sul cimitero e bare che contengono cadaveri. Crocitti è il finto fidanzato conosciuto a un funerale, ma la Villani vorrebbe sposare Landa, anche se non disdegna attenzioni saffiche e si fa sollazzare da un nano. Niente di troppo spinto, però. Le parti erotiche sono corrette in versione comica e Larraz deve frenare la propensione per il torbido.

La commedia è tutta girata in interni, prosegue con cene a base di gatti, mandragola, rospi e altre prelibatezze, si vedono caproni e simboli horror trattati con ironia. Ci sono persino un fantasma gay nascosto nell’armadio che gira per il castello con un cappio al collo e un nano infoiato che si nasconde sotto le gonne delle ragazze. Larraz utilizza il mestiere di autore horror per realizzare una parodia del genere e in questo può essere considerato un anticipatore di pellicole come Scream (1996) di Wes Craven.


Vediamo una bambola che si muove e piange, un teschio che batte i denti e ricompare alla porta anche se lo gettano dalla finestra, un diavolo che puzza di zolfo e vive in una bara. Il servitore Leandro è una sorta di mostro di Frankenstein che corre dietro a ogni gonnella e si eccita quando porta fuori una donna. Risulta interessante come buon momento horror la scena della donna impiccata che penzola dal soffitto. Ottima anche la morte del servitore ripetutamente accoltellato in una scena da slasher ironico, anche se il sangue che sgorga dal collo è molto verosimile. Un omicidio a colpi di martello riporta in primo piano situazioni horror ma ancora una volta messe in parodia e recitate in tono farsesco.

Torna l’erotismo quando il nano prepara Carmen Villani alla notte del sabba spalmando un infernale unguento su tutto il corpo, ma si poteva fare di meglio. José Ramón Larraz confeziona una parodia del sabba satanico che successivamente realizzerà in forma horror-erotica ne I riti sessuali del diavolo (1982). Vediamo i partecipanti bere pozioni magiche, baciare il sedere a un gatto e accendere candele nere mentre le campane chiamano a raccolta. Il regista usa molto mestiere horror per trucchi e colpi di scena, ma anche per le atmosfere del sabba, i momenti cupi e le uccisioni sanguinose.

Landa e Crocitti si rendono conto che il castello è popolato da stregoni, trovano un libro che potrebbe risolvere il mistero e interpretano stanche gag come quella della bara che precipita per le scale. Lo spumante che bagna tutti e spruzza il liquido per aria è un’altra trovata vecchia come il mondo che non fa ridere nessuno.


Alla fine il libro magico libera tutti dalla maledizione e Carmen Villani può sposare Alfredo Landa, ma il patto satanico si è rotto e la donna si trasforma in uno scheletro. Molto buono l’effetto horror-comico con la Villani che accenna uno strip e subito dopo restano sul letto un cranio consumato e una ciocca di capelli biondi. Landa stringe un patto con il diavolo e resta giovane in eterno, per la meraviglia di Crocitti che quarant’anni dopo lo rivede in piena forma.

Polvos mágicos è una pochade lenta e prevedibile, poco erotica, sostenuta da una regia piatta e svogliata che si adegua a un soggetto carente. La comicità da farsa e la parodia non fanno per José Ramón Larraz, molto più a suo agio con soggetti erotico-malsani.

I RITI SESSUALI DEL DIAVOLO (1982)

I riti sessuali del diavolo (Los ritos sexuales del diablo, 1982) è un ottimo horror d’atmosfera, cupo e angosciante che in Italia non è mai uscito. Per vederlo abbiamo preso la versione inglese sottotitolata in spagnolo.

José Ramón Larraz scrive, sceneggia e dirige una storia demoniaca a base di presenze sataniche e sette segrete che adorano il diavolo. Firma la pellicola con lo pseudonimo anglofono di Joseph Braunstein, così come molti tecnici e attori vengono presentati con falsi nomi britannici nei titoli di testa. In questo periodo è più facile vendere sul mercato internazionale un prodotto che si presenta con regista e interpreti statunitensi. Non è soltanto una moda italiana.


La fotografia di Juan Mariné è molto scura e contribuisce a creare un clima di mistero e di angoscia claustrofobica, mentre il montaggio serrato di Harold Wallmann non dà respiro allo spettatore. Le musiche della spagnola Cam sottolineano una situazione di terrore crescente e palpabile.

Bravi gli interpreti, un’affascinante Vanesa Hidalgo (si fa chiamare Vanesa Ashley) nei panni della protagonista Carol, ma anche la sensuale Helga Liné, come perfida Fiona, e Mauro Ribera nei panni di Robert. Completano il cast: Christopher Bright, Alfred Lucchetti, Jeffrey Healey, Lucille Jameson, Paul Kendall, John McGrat, Fred Pulver, Martin Ren, Betty Webster, Carmen Carrión e Rose Wren.

I riti sessuali del diavolo fa vivere allo spettatore ottantaquattro minuti di incubo infernale, ma comincia all’insegna della sexploitation perché Larraz descrive con dovizia di particolari e tecnica da film hard un sensuale rapporto erotico. L’orrore è in agguato. La ragazzina che fa l’amore con un uomo maturo porta al collo un simbolo diabolico e grazie a un rapido cambio di scena vediamo una mano trafiggere con uno spillone un pupazzo vudù. L’uomo muore colto da infarto, ma fa in tempo a pronunciare il nome di Fiona. A ucciderlo è stata la moglie. Scorrono i titoli di testa e il mistero si fa ancora più fitto.

Carol, sorella del defunto, giunge in Inghilterra accompagnata dal suo uomo (Robert) per partecipare alla successione ereditaria, viene accolta dalla vedova durante una notte di tempesta e ospitata nella casa dove si è consumato il delitto. I segni demoniaci compaiono subito e sono il leitmotiv di una pellicola che si fa sempre più interessante e ricca di colpi di scena. Vediamo candele nere, quadri diabolici, raffigurazioni di caproni cornuti e segni della presenza di Satana. Larraz insiste con stile eccentrico e gira sequenze erotiche esplicite, come se fossimo in un film porno arricchito da una trama.
Da notare anche una pennellata di voyeurismo quando Fiona, osservando da un foro nella parete un prolungato rapporto tra Carol e Robert, si abbandona alla masturbazione. Una perfetta tecnica consente di alternare sesso a masturbazione utilizzando efficaci dissolvenze.

Le parti oniriche sono un’altra caratteristica che definisce lo stile del regista spagnolo: ne vediamo un esempio nel sogno di Carol immersa in un delirio senza fine. La ragazza è vestita soltanto di un completo intimo, il fratello morto la segue, fa sesso con lei e alla fine anche Fiona la bacia. Inutile dire che la parte erotica è realistica, ai limiti del porno. L’incesto è credibile, così come il bacio saffico prolungato. La tensione è molto alta, Carol si risveglia, scende spaventata in cucina, vede un uomo alla finestra e alla fine conosce un prete malefico che è il vero capo della setta, colui che organizza i sabba demoniaci.


Una bella parte di cinema fantastico si svolge al cimitero dove la voce del fratello si leva lugubre dalla tomba per intimare: “Carol, vattene di qui e non tornare!”. La setta satanica tenta di prendersi Carol e la cameriera ruba una collana di sua proprietà per utilizzarla nel sabba.
Interessanti alcune sequenze lesbiche tra la cameriera e la ragazza che aveva contribuito a far uccidere il marito. Il rapporto tra la ragazza e un caprone nero che rappresenta il demonio è un vero capolavoro di erotismo malsano. Larraz riesce a rendere credibile una penetrazione animalesca filmando la donna a gambe larghe mentre accarezza il caprone e lo invita a possederla. Una goccia del suo sangue cade sulla collana di Carol e riesce a farle provare una sensazione di dolore.

Fiona si occupa di Robert, gli mostra erbe diaboliche, la mandragola, la digitale purpurea, lo porta a letto con sé e finisce per inserirlo nella setta demoniaca. Le parti erotiche sono ancora una volta molto curate, approfondite e descritte con dovizia di particolari. Una nuova messa satanica diretta dal sinistro prete prevede lo sbattezzo di Robert che abbandona il crocefisso, un rapporto tra Fiona e il sacerdote, ma pure sequenze di amori saffici. Carol viene portata al limite della pazzia, drogata con le erbe di Fiona, assiste ai riti satanici e non viene creduta dal compagno che le è ormai nemico. Carol sente odore di zolfo sul corpo di Robert, si rende conto che non ha il crocefisso e comprende di essere rimasta sola a lottare contro il demonio.

Un nuovo rapporto sessuale tra Carol e Robert mostra i cambiamenti di un uomo ormai indemoniato, perché sodomizza la compagna con violenza e sfoggia uno sguardo satanico. Il regista aumenta la dose di erotismo malsano mostrando con dovizia di particolari prima la relazione tra Robert e Fiona, quindi le perversioni della cameriera che fa sesso con un giovane amante sotto gli occhi del marito.


La pellicola subisce una busca accelerazione quando il marito della cameriera decide di non stare più al gioco e confessa tutto a Carol. L’uomo viene catturato dalla setta, denudato, fatto inginocchiare e infine ucciso in modo orribile durante una satanica esecuzione. Il regista è bravo a filmare una parte trucida con una spada affilata che penetra l’ano dell’uomo e gli fa vomitare sangue dalla bocca. Puro stile da sexploitation alla Joe D’Amato, che farà anche di meglio in Eva nera (1976) e in Caligola… la storia mai raccontata (1982), ai danni del povero Gabriele Tinti. Nel primo film ricordiamo Laura Gemser che infila un serpente nell’ano dell’uomo, mentre nel secondo citiamo la sequenza dei senatori impalati per il sedere: i ferri entrano dal retto ed escono dal petto in un eccesso gore notevole.

Larraz prepara lo spettatore a uno sconvolgente finale che vede un sabba con protagonista la povera Carol. Un erotismo torbido conduce a un’esplicita iniziazione demoniaca della ragazza, eccitata da profonde carezze lesbiche. Rintocchi di campane, preghiere, sequenze saffiche, corvi gracchianti, invocazioni al demonio anticipano un rapporto amoroso tra Carol e il prete che rappresenta Satana.

Il regista sorprende con un inaspettato doppio finale durante il quale sembra che sia stato tutto un sogno di Carol. Il film pare ricominciare dal risveglio della ragazza, che rivive sequenze simili al suo incubo, vede il prete con cui ha avuto un rapporto satanico, trova la casa di Fiona al buio, compaiono candele nere e la cognata offre erbe curative. La pellicola termina con una palpabile sensazione di storia che si ripete, di incubo senza fine e di orrore inevitabile. Lo sguardo impaurito di Carol sottolinea l’atmosfera di terrore e la presenza demoniaca.


La pellicola ricorda molto Rosemary’s Baby (1968) di Roman Polanski, capolavoro inimitabile e capostipite di tutta una serie di pellicole sul demonio e i suoi accoliti. Larraz non riesce a realizzare un realismo descrittivo così efficace, ma rende bene un clima di angoscia surreale che diventa sempre più palpabile, scena dopo scena.
Il film è girato quasi completamente in interni, con sporadici momenti nella campagna inglese, ma la qualità dell’opera non risulta diminuita.

José Ramón Larraz era un regista che presentava analogie con l’italiano Aristide Massaccesi (in arte Joe D’Amato), perché sa fondere trame orrorifiche ed erotismo malsano, oltre a realizzare la soggettiva dello spettatore che si immedesima in molte situazioni voyeuristiche. Joe D’Amato ha realizzato pellicole memorabili della sexploitation italiana come Porno Holocaust (1979), Orgasmo nero – Vudù Baby (1978 – 80), Antropophagus (1980) e Le notti erotiche dei morti viventi (1980).
La commistione horror-sesso rendeva Larraz un grande terrorista dei generi e rappresenta lo stile di un autore interessante e ingiustamente trascurato dalla critica. Le pellicole di Larraz sfidano gli strali della censura, ma sono coraggiosi esperimenti di un cinema che ricorda i fumetti neri dei tascabili degli anni sessanta-settanta.

Alcune sequenze de I riti sessuali del diavolo presentano analogie con lo stile di Renato Polselli, apprezzato in buoni film come Riti, magie nere e segrete orge nel Trecento (1973) e Oscenità (1973 – 79), lavori a metà strada tra horror, erotismo esplicito e racconto psicanalitico. Polselli, come Larraz, passa guai con la censura, perché inserisce sequenze erotiche ai limiti dell’hard e cerca di trasgredire usando il cinema per affermare un discorso sociale.

José Ramón Larraz era un buon autore che meriterebbe uno studio approfondito e una giusta rivalutazione nell’ambito dei registi della sexploitation europea.

Filmografia completa di José Ramón Larraz

Whirlpool (1970)
Deviation (1971)
Symptoms (Blood Virgin – 1974)
L’ombra dell’assassino (The house that vanished – Scream… and Die – Don’t go in the bedroom – 1975)
Ossessione carnale (Vampyres – Daughters of Dracula – Blood Hunger – 1975)
The Coming of Sin (The violation of the bitch – 1978)
Malizia erotica (El periscopio – 1979)
The Golden Lady (1979)
Stigma (1980)
Lady Lucifera (Polvos mágicos – 1980)
The National Mummy (1981)
I riti sessuali del diavolo (Black candles – Sex rites of the Devil – 1982)
Rest in pieces (1987)
La danza del diavolo (Deadly Manor – 1990)

Di Gordiano Lupi è appena uscito “Storia della Commedia Sexy – Volume 2 da Carnimeo a Bottari”, Sensoinverso 2018, Pag. 200 – Euro 16

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*