IO COLPEVOLE DI CUCADOR?

IO COLPEVOLE DI CUCADOR?

Io colpevole di Cucador?… Ma siamo proprio sicuri?

Vi sembra plausibile che la mia sofisticata persona, già distintasi nella progettazione e nel lavoro redazionale dell’agenda Smemoranda (la prima del 1978-1979 che sostituiva un’anonima agenda precedente), possa avere avuto l’idea di proporre una rivista paninara?

Il logo della “Smemoranda” nasce da una mia svista: avevo passato all’agenzia grafica l’ipotesi sbarazzina di “Melagenda” quando si era già deciso di fare la parodia alla “Memoranda” (l’agenda dei bancari)

Mi hanno incastrato, ecco la verità!

Tanto per dire, nel 1975, a quindici anni, diffondevo Il Manifesto davanti alla scuola.
La prova? Ecco, sono il tipo assorto in basso a destra.


Non basta? Allora, se avete lo stomaco forte, ammiratemi in questo attacchinaggio selvaggio dove, con sprezzo del pericolo, faccio il segno di vittoria ben prima di “V for Vendetta”.


Ma lasciamo i sanguinari anni settanta, noti anche come gli anni di piombo (ai quali ho dedicato un articolo), per entrare negli edonistici anni ottanta.

I paninari nascono nella prima metà di questo decennio tra i “sanbabilini”, giovani di simpatie neofasciste che sono, in realtà, interessati alla moda di Fiorucci, alla discoteca e ad altre facezie. Tanto che i neofascisti veri e propri li malmenano a causa del loro disimpegno (per lo stesso motivo, anni prima, l’estrema sinistra maltrattava i punk).

La tendenza paninara diventa presto apolitica, anche se le origini “fasce” continuano ad essere evocate dai giornali che ne parlano perché un pizzico di sale non guasta mai.


A rendere popolare il fenomeno anche tra i babbani contribuisce il comico Enzo Braschi, interpretando il personaggio del paninaro nella trasmissione di Italia 1 intitolata “Drive In”, curata da Antonio Ricci (futuro ideatore di “Striscia la Notizia”).


Il primo fumetto a cavalcare la moda dei paninari è, appunto, Il Paninaro della Edifumetto, la casa editrice di Renzo Barbieri specializzata in tascabili erotici come le vampire Zora e Sukia.

“Il Paninaro”, uscito nel 1986, raggiunge ben presto le 100 mila copie vendute.


Nello stesso anno seguono altre pubblicazioni paninare. La qualitativamente migliore è Wild Boys della Ediperiodici, l’altra casa editrice di tascabili erotici, con gli ottimi fumetti sceneggiati da Massimo Vincenti (firmati Elwood).

A questo punto entra in scena Gianni Bono, agente di fumettisti (tra i quali Marcello Toninelli e Corrado Roi) e proprietario di una agenzia di editing. Bono convince Andrea Corno, all’epoca editore della Garden, a pubblicare una rivistina paninara intitolata “Cucador” (in milanese “cuccatore”).


Facendo anch’io parte dello Staff di If in quel periodo, finii per occuparmi della nuova testata firmandola come direttore, anche se non legalmente responsabile in quanto non ero ancora giornalista.

L’impostazione grafica data ai fumetti di “Cucador” era un po’ topolinesca, più vicina a Enzo Braschi che ai paninari veri e propri. Uno stile forse non particolarmente adatto, dato che il pubblico di questi giornalini non era rappresentato dalle famigliole che guardavano lo spettacolo televisivo, ma dagli adolescenti.

Ora leggetevi pure a sbafo questa storia intera di Cucador scritta da me medesimo e disegnata da Luigi Mausoli.
Credo rappresenti una delle vette inarrivate e inarrivabili nella storia del fumetto.

No, grazie, niente complimenti!

Piuttosto, scrivete qualche vostro ricordo di quei tempi nello spazio sottostante dedicato ai commenti.

 

GIORNALE POP cerca articolisti e redattori.
Chi fosse interessato scriva a info@giornalepop.it

La collaborazione sarà di tipo volontaristico.

Contatto E-mail: info@giornale.pop

1 commento

  1. Io ricordo bene Drive In e il film Italian Fast Food, che ho visto diverse volte.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*