I PARCHI DIVERTIMENTO TRA BRIVIDO E FANTASIA

I PARCHI DIVERTIMENTO TRA BRIVIDO E FANTASIA

I parchi divertimento sono grandi aeree attrezzate per far divertire grandi e bambini. Negli anni sono diventate sempre più estese, contengono attrazioni come giostre panoramiche, montagne russe, percorsi al buio, scivoli d’acqua e discese di rapide artificiali con i gommoni.

Montagne russe nel Mondo Ferrari di Abu Dhabi

Il mondo Ferrari ad Abu Dhabi

Sulle montagne russe del parco divertimenti di Abu Dhabi, chiamato Mondo Ferrari (Ferrari World), si raggiunge l’incredibile velocità di 240 chilometri orari.

Katun a Mirabilandia

Le montagne russe sono chiamate così perché le prime furono costruite in Russia. Erano slitte che scivolavano su piste ghiacciate montate su strutture di legno. Le fece costruire l’imperatrice Caterina di Russia.

Nei paesi di lingua inglese si chiamano rollercoaster.

The Beast a King Island in Ohio, Stati Uniti

The Beast, cioè la bestia, è stata costruita negli anni settanta. Era la più alta e lunga delle montagne russe di legno del mondo. A seguito di alcuni incidenti ne è stata annunciato lo smantellamento.

Parco dei divertimenti di Alton Tower: the Smiler

Nel parco dei divertimenti di Alton Tower, nel nord dell’Inghilterra, c’è The Smiler, le montagne russe con 14 giri della morte. I vagoncini che corrono su rotaie sono molto più sicuri di quanto fossero un tempo.

Montagne russe

Nel 1955 venne lanciata la novità delle ruote tubolari che scivolavano sulle rotaie. L’accelerazione impressa ai corpi è quella della partenza dello shuttle, ma dura solo pochi secondi. Il piacere che procura questo tipo di attrazione è quello di sperimentare una folle velocità insieme alla sensazione di correre un apparente rischio mortale.

Il filmato sopra è il ranging bull del parco divertimenti Six Flags Great America.

Se abbiamo amato le montagne russe fin da bambini e non vedevamo l’ora di salirci, possono essere un simpatico diversivo anche nella nostra vita adulta. Rappresentano un modo per interrompere la monotonia dei giorni tutti uguali. Tutti i parchi giochi, anche quelli tematici, hanno le montagne russe tra le loro principali attrazioni. Però, se solo a vedere una barca dondolare in mare ci viene la nausea, pensiamoci bene prima di salire: per noi potrebbe essere una esperienza terrificante. Ogni parco divertimenti che si rispetti ha altre attrazioni molto più tranquille adatte per ogni esigenza.

Disneyland, il castello della Bella addormentata nel bosco

L’idea vincente di Walt Disney per i suoi parchi divertimento era di riuscire a creare grandi complessi in cui le famiglie al completo si potessero intrattenere.

Tivoli, Villa Adriana, il pecile cioè il portico dipinto di Atene

L’idea non era nuova, ma nuovi erano i destinatari. Già al tempo degli antichi romani esistevano ricostruzioni di località amene, anche se destinate solo alle famiglie più importanti. La villa Adriana fu fatta costruire dall’imperatore Adriano a Tivoli nel secondo secolo dopo Cristo. Una delle attrazioni era il pecile, cioè un portico dipinto sorretto da colonne. Era la riproduzione della piazza di Atene, detta agorà, molto amata da Adriano che se la era fatta rifare nella sua villa.

Il canopo a villa Adriana a Tivoli

Canopo è una città del delta del Nilo in Egitto. Adriano fece costruire l’ambiente che vedete sopra con statue bianche che riproducevano statue greche. Queste meraviglie erano riservate ai suoi ospiti e alla corte imperiale.

Villa D’Este a Tivoli

A metà del 1500 il cardinale Ippolito D’Este fece costruire la villa D’Este a Tivoli usando i materiali recuperati da villa Adriana. Grande cura fu prestata ai giardini, ricchi di acque. Furono costruite fontane, cascatelle e zampilli, tanto che diventarono luogo di delizie per il cardinale e la sua corte.

Il pranzo di Gargantua, Automa del giardino di Tivoli, illustrazione tratta da una vecchia incisione

Nella seconda metà del settecento aprirono a Parigi i giardini di Tivoli a imitazione di Villa D’Este. Con varie traversie restarono aperti fino circa a metà ottocento. Nell’ultimo periodo presentavano attrazioni come le montagne russe, i labirinti, le pantomime e i fuochi d’artificio.

Il Tivoli a Copenhagen, Danimarca

Verso la metà dell’ottocento apriva il Tivoli a Copenhagen, in Danimarca. È ancora attivo.

Tivoli a Copenhagen, teatro della pantomima

Ha dei bellissimi giardini molto curati e intrattenimenti come concerti e pantomime che si svolgono nel Teatro della pantomima, una costruzione originale in stile cinese.

La via principale di Disneyland Usa

Verso il 1950, Walt Disney costruisce la prima Disneyland vicino a Los Angeles. Il parco a tema diventa un divertimento popolare, non più una esclusiva per i ricchi. La via principale dei suoi parchi divertimento è sempre la rappresentazione perfetta, pulita, verniciata di fresco di una piccola città americana. Molti hanno pensato che si fosse ispirato alla sua città natale, Marceline nel Missouri, all’epoca della sua infanzia cioè all’inizio del novecento. (Ma l’ispirazione veniva anche dall’expo di Chicago).

Strada principale di Disneyland Paris

Sicuramente per i suoi contemporanei il fascino di quella ricostruzione era molto forte. Quelle strade erano quelle che i visitatori avevano conosciuto nella loro infanzia. Però apparivano migliori, più pulite, più colorate. Ma l’effetto è ancora lo stesso per noi, perché subiamo il fascino dei fumetti e dei cartoon che amiamo e che rappresentano quel mondo che ci appare familiare.

Il battello di Capitan Uncino a Disneyland Paris

Nei parchi di divertimento Disneyland vengono sviluppati temi legati ai nuovi film in programmazione e ai classici. Ci sono parate serali sempre a tema con i personaggi della Disney più cari a grandi e piccini.

Davy Crockett ranch del Disneyland Paris

Anche gli alberghi del parco sviluppano un tema. Questo è il Davy Crockett ranch, un villaggio di frontiera all’epoca degli indiani e dei cowboy.  Si trova vicino a Disneyland Paris, immerso in una foresta. Si può parcheggiare il camper o la roulotte oppure si può affittare un bungalow.

Parco Asterix

A 50 chilometri da Disneyland Paris sorge il parco di Asterix, molto amato dai francesi. I temi sviluppati nel parco nascono dai fumetti di Asterix. Ci sono anche parecchie attrazioni, fra le quali delle famose montagne russe costruite in legno.

In Italia

Gardaland

In Italia il più grande parco divertimenti è Gardaland, che ha attrazioni mozzafiato e aree tematiche.

Parco acquatico Le Caravelle a Ceriale, in Liguria

I parchi acquatici hanno un laghetto artificiale che permette di navigare e scivoli d’acqua. Inoltre presentano grandi vasche idromassaggio con caverne calde e fredde. Sono delle spa, cioè delle terme che curano con l’acqua, con parecchi giochi e attrazioni per grandi e piccoli.

Etnaland in provincia di Catania

Nei parchi divertimento si paga un biglietto di ingresso valido per tutte le attrazioni. È piuttosto caro ma consente di trascorrere una giornata con tante opportunità di divertimento seguendo le proprie inclinazioni. Certo, bisogna lasciarsi prendere dallo spettacolo e ritornare un po’ bambini. Se non possiamo permetterci vacanze più lunghe e costose, potremo trascorrere alcune ore in un mondo di favola. I nostri figli ne saranno entusiasti.

 

 

GIORNALE POP cerca articolisti e redattori.
Chi fosse interessato scriva a info@giornalepop.it

La collaborazione sarà di tipo volontaristico.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*