DOPPIETTA FERRARI A MONTECARLO, MERCEDES GIÙ DAL PODIO

DOPPIETTA FERRARI A MONTECARLO, MERCEDES GIÙ DAL PODIO

La sesta tappa del mondiale di Formula 1 del 2017 si corre sul circuito cittadino di Montecarlo, una delle gare più prestigiose in assoluto. Il Gran Premio di Montecarlo è in calendario fin dal 1950, anno in cui fu codificato il campionato del mondo della massima formula. Per la cronaca, quell’anno la corsa monegasca fu la seconda della stagione e segnò il debutto in F1 del team Ferrari, assente nel precedente Gran Premio d’Inghilterra. Vinse Juan Manuel Fangio, al volante dell’Alfa Romeo. La Ferrari di Alberto Ascari tagliò il traguardo in seconda posizione.

Tra i piloti al via, quest’anno manca Fernando Alonso. L’asturiano ha deciso di saltare l’appuntamento per tentare la fortuna alla 500 Miglia di Indianapolis, in programma lo stesso giorno. Al suo posto, solo per questa corsa, torna sulla McLaren il trentasettenne Jenson Button.

In qualifica ci sono state alcune difficoltà per la Mercedes. Lewis Hamilton non è riuscito a superare Q2 ed è costretto a prendere il via dalla tredicesima piazza. Probabilmente il passo molto lungo della Mercedes non è la soluzione tecnica più efficace per affrontare le numerose curve strette e lente dell’impegnativo tracciato monegasco.
La pole è andata a Kimi Raikkonen, con la Ferrari. Il finlandese non partiva dalla prima posizione in un Gran Premio di Formula 1 da ben nove anni. Accanto a lui l’altra Ferrari, quella del leader provvisorio del mondiale Sebastian Vettel. In seconda fila la Mercedes di Bottas e la Red Bull di Verstappen.
Vandoorne penalizzato di tre posizioni per l’errore commesso in Spagna.

La griglia di partenza del Gran Premio di Monaco

Allo spegnimento dei semafori, le due Ferrari scattano al comando con Kimi davanti a Sebastian. Dietro ad inseguire Bottas e poi le due Red Bull. Button deve prendere il via per ultimo dalla corsia dei box.

La partenza con la 7 di Kimi Raikkonen davanti a tutti

I ferraristi hanno un passo migliore, ma Bottas non demorde. Al trentatreesimo dei settantotto giri totali, Verstappen tenta di sbloccare la situazione anticipando il pit stop per il cambio degli pneumatici. Bottas deve fermarsi anche lui per marcare l’olandese e di conseguenza la Ferrari reagisce fermando Raikkonen.
Ne approfittano Vettel e Ricciardo, che allungano il loro primo stint di gara strappando al cronometro i secondi necessari per scavalcare i rispettivi diretti avversari. Dopo la sua fermata, Vettel può prendere il comando davanti a Kimi, mentre Ricciardo è terzo davanti a Bottas e al compagno Verstappen. Sebastian dimostra di essere più veloce del compagno finlandese e prende subito un discreto margine.


Brivido ad una ventina di giri dal termine, quando un contatto ruota su ruota tra Button e Wehrlein fa decollare la Sauber del tedesco. Fuori la safety car e attimi di paura per Wehrlein, che con la vettura adagiata sul fianco, rimane incastrato tra la stessa e la barriera di contenimento. Tutto si risolve per il meglio, il pilota viene soccorso ed esce illeso dall’abitacolo.
Si riprende a correre, la Ferrari si è vista azzerare tutto il vantaggio accumulato, ma Ricciardo non sembra avere il passo per insidiare Kimi.
Alla fine Vettel arriva per primo sotto la bandiera a scacchi precedendo Raikkonen, Ricciardo, Bottas e Verstappen. Sesto un ottimo Sainz con la Toro Rosso e settimo un Hamilton che ha cercato di limitare il passivo.


Ordine d’arrivo (prime dieci posizioni)
1. Sebastian Vettel (Ger) Ferrari 1h:44′:44”.340
2. Kimi Raikkonen (Fin) Ferrari +03”.145
3. Daniel Ricciardo (Aus) Red Bull +03”.745
4. Valtteri Bottas (Fin) Mercedes +05”.517
5. Max Verstappen (Ola) Red Bull +06”.199
6. Carlos Sainz Jr (Spa) Toro Rosso +12”.038
7. Lewis Hamilton (Gbr) Mercedes +15”.801
8. Romain Grosjean (Fra) Haas +18”.150
9. Felipe Massa (Bra) Williams +19”.445
10. Kevin Magnussen (Dan) Haas +21”.443


Grande giornata per la Ferrari. La Casa di Maranello non faceva una doppietta dal 2010 e su questa pista non vinceva addirittura da sedici anni.
Unica nota stonata l’evidente delusione evidenziata sul podio da parte di Raikkonen, che non ha festeggiato col resto del team. Neanche ricevere il premio per il secondo posto direttamente dalle mani della bella principessa Charlène non è stato sufficiente per strappare un sorriso alle labbra di Iceman.

Classifica provvisoria del mondiale piloti
Vettel 129, Hamilton 104, Bottas 75, Raikkonen 67, Ricciardo 52, Verstappen 45.

Prossima gara tra due settimane in Canada.

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*