I COMICI DELLA COMMEDIA SEXY

I COMICI DELLA COMMEDIA SEXY

Come è noto, la commedia sexy deriva dal teatro di rivista e dall’avanspettacolo, generi dai quali eredita i personaggi fondamentali, vale a dire il comico e la soubrette. Non necessariamente in quest’ordine, tuttavia, considerato che era il pubblico maschile a gremire le sale. Ovvio, quindi, che fosse l’attrice il fulcro del film. Ma il comico, come ha detto il regista Mariano Laurenti, era comunque colui nel quale lo spettatore si identificava e attraverso cui desiderava le varie protagoniste. È dalla sintonia tra il comico e l’attrice che sono nati i migliori momenti della commedia sexy. Il legame con l’avanspettacolo è confermato dal fatto che vari comici qui citati provengono proprio dalle passerelle e, in alcuni casi, ne hanno reinterpretato l’atmosfera in alcuni film. Carlo Giuffrè e Pippo Franco in Basta guardarla (1970, Luciano Salce) e Alvaro Vitali in Roma (1972, Federico Fellini), per esempio.

 

LINO BANFI (Pasquale Zagaria)

(1936, Andria)

Dopo gli inizi nell’avanspettacolo, Banfi comincia a interpretare piccoli ruoli nel cinema, soprattutto accanto a Franco Franchi e Ciccio Ingrassia. Il vero successo e la popolarità arrivano con alcuni programmi televisivi come “Senza rete” e con la commedia scollacciata, che lo consacra come uno dei migliori comici italiani. Da ricordare le sue interpretazioni in “Detenuto in attesa di giudizio” (1971) di Nanni Loy; “Al bar dello sport” (1983), di Francesco Massaro; “I pompieri” (1985) e “Scuola di ladri” (1986) di Neri Parenti. I suoi exploit sul piccolo schermo, con varie fiction di successo tra cui “Un medico in famiglia”, lo hanno trasformato in un attore decisamente per famiglie.

Filmografia parziale di Lino Banfi

Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio (1983)
Ricchi, ricchissimi, praticamente in mutande (1982)
Vai avanti tu che mi vien da ridere (1982)
Vieni avanti cretino (1982)
Cornetti alla crema (1981)
L’onorevole con l’amante sotto il letto (1981)
Spaghetti a mezzanotte (1981)
La dottoressa ci sta col colonnello (1980)
L’infermiera nella corsia dei militari (1980)
La moglie in bianco… l’amante al pepe (1980)
La moglie in vacanza… l’amante in città (1980)
La ripetente fa l’occhietto al preside (1980)
Zucchero, miele e peperoncino (1980)
L’infermiera di notte (1979)
L’insegnante al mare con tutta la classe (1979)
La liceale, il diavolo e l’acquasanta (1979)
La liceale seduce i professori (1979)
Sabato, domenica e venerdì (1979)
Tutti a squola (1979)
La poliziotta della squadra del buoncostume (1979)
L’insegnante balla… con tutta la classe (1978)
L’insegnante viene a casa (1978)
La liceale nella classe dei ripetenti (1978)
La soldatessa alle grandi manovre (1978)
L’insegnante va in collegio (1978)
La compagna di banco (1977)
Orazi e curiazi 3-2 (1977)
L’affittacamere (1976)
Stangata in famiglia (1976)
Peccato veniale (1974)
Boccaccio (1972)
Mazzabubù… quante corna stanno quaggiù? (1971)

 

BOMBOLO (Franco Lechner)

(1932, Roma – 1987, Roma)

A scoprirlo fu il regista Pier Francesco Pingitore, che dopo averlo visto a Porta Portese lo volle al Bagaglino e poi lo fece esordire nel film “Remo e Romolo – storia di due figli di una lupa” (1976). Oltre alle commedie scollacciate, Bombolo è diventato famoso col personaggio di Venticello nella serie del commissario Giraldi a fianco di Tomas Milian. Negli anni ottanta lo ricordiamo nel film televisivo “La veritaaà” (1982), di Cesare Zavattini e accanto a Nino D’Angelo in “Un jeans e una maglietta” (1982) e “La discoteca” (1983), entrambi di Mariano Laurenti.

Filmografia parziale di Bombolo

La sai l’ultima su… i matti? (1982)
Il sommergibile più pazzo del mondo (1982)
W la Foca! (1982)
È forte un casino (1982)
I carabbinieri (1981)
Il marito in vacanza (1981)
La settimana al mare (1981)
Teste di quoio (1981)
Una vacanza del cactus (1981)
Tutta da scoprire (1981)
La settimana bianca (1980)
Tutti a squola (1979)
Il marito in collegio (1977)
Messalina, Messalina! (1977)
Nerone (1977)

 

LANDO BUZZANCA

(1935, Palermo)

Prototipo dell’amatore siciliano ossessionato dalle donne, Buzzanca è più un precursore che non un vero e proprio comico della commedia sexy/scollacciata. Non a caso dal 1973 in poi ne ha interpretate poche e comunque abbastanza al di fuori dai canoni della commediaccia. Lanciato dal regista Pietro Germi in “Divorzio all’italiana” (1961), ha interpretato sempre di Germi “Sedotta e abbandonata” (1964), e poi “Don Giovanni in Sicilia” (diretto nel 1967 da Alberto Lattuada), “Il domestico” e “L’arbitro” (entrambi del 1974 ed entrambi diretti da Luigi Filippo D’Amico). Lo ricordiamo anche ottimo protagonista di alcuni varietà televisivi.

Filmografia parziale di Lando Buzzanca

Cornetti al miele (tv – 1999)
Prestami tua moglie (1980)
Travolto dagli affetti familiari (1978)
San Pasquale Baylonne protettore delle donne (1976)
Il gatto mammone (1975)
Il Cav. Costante Nicosia demoniaco, ovvero Dracula in Brianza (1975)
Il fidanzamento (1975)
La Calandria (1972)
Jus primae noctis (1972)
L’uccello migratore (1972)
All’onorevole piacciono le donne (1972)
Homo Eroticus (1971)
Il merlo maschio (1971)
Quando le donne persero la coda (1971)
Il vichingo venuto dal Sud (1971)
La prima notte del Dottor Danieli, industriale col complesso del… giocattolo (1970)
Quando le donne avevano la coda (1970)
Il debito coniugale (1970)
Puro siccome un angelo papà mi fece monaco… di Monza (1969)

 

ENZO CANNAVALE

(1928, Castellamare di Stabia – 2011, Napoli)

Straordinario attore/comico/caratterista del cinema italiano, anche lui capace di passare dal teatro di Eduardo De Filippo alle commedie sexy con la stessa bravura e la stessa professionalità. Il primo film fu “Yvonne la Nuit” (1949), di Giuseppe Amato, con Totò. Da allora Cannavale ne ha interpretati decine e decine, molti comici ma non solo. Tra i migliori citiamo “Operazione San Gennaro” (1967) di Dino Risi, “Roma bene” (1971) di Carlo Lizzani, “Piedone lo sbirro” (1973) di Steno. Negli anni Novanta si è dedicato soprattutto ai film per la televisione, con Pier Francesco Pingitore (“Ladri si nasce”, del 1997), Carlo Vanzina (“Anni ‘50”, del 1998) e Sergio Martino (“L’ispettore Giusti”, del 1999). L’ultimo ruolo, non proprio memorabile, glielo ha regalato Enrico Oldoini in un episodio di “I mostri oggi” (2009).

Filmografia parziale di Enzo Cannavale

Il tifoso, l’arbitro e il calciatore (1983)
La sai l’ultima su… i matti? (1982)
È forte un casino (1982)
Il sommergibile più pazzo del mondo (1982)
Il marito in vacanza (1981)
La settimana al mare (1981)
La settimana bianca (1981)
Una vacanza del cactus (1981)
Tutta da scoprire (1981)
Come perdere una moglie e trovare un’amante (1978)
L’inquilina del piano di sopra (1978)
Orazi e curiazi 3-2 (1977)
Taxi Girl (1977)
L’affittacamere (1976)
La segretaria privata di mio padre (1976)
L’insegnante (1975)
La liceale (1975)
Quel movimento che mi piace tanto (1975)
La signora gioca bene a scopa? (1974)

 

MARIO CAROTENUTO

(1915, Roma – 1995, Roma)

Uno dei più grandi attori del cinema popolare e brillante italiano. La sua carriera cominciò nell’avanspettacolo e proseguì poi come presentatore radiofonico. Esordì nel cinema addirittura negli anni trenta, ma fu dagli anni cinquanta che cominciò a interpretare un film dietro l’altro. Impossibile citare tutti i titoli storici a cui ha preso parte, ma è giusto ricordarlo al fianco di Totò (in “Totò, Eva e il pennello proibito” (1959, di Steno) e di Alberto Sordi (in “Un eroe dei nostri tempi” (1955), di Mario Monicelli e “Lo scopone scientifico” (1972), di Luigi Comencini). L’ultimo suo ruolo cinematografico è ancora accanto a Sordi in “Il romanzo di un giovane povero” (1995) di Ettore Scola. Ha fatto anche teatro, e storico fu lo spettacolo “L’opera da tre soldi”, di Bertold Brecht, messo in scena da Giorgio Strehler negli anni cinquanta, in cui Carotenuto interpretò Meckie Messer.

Filmografia parziale di Mario Carotenuto

Paulo Roberto Cotechiño centravanti di sfondamento (1983)
Il tifoso, l’arbitro e il calciatore (1983)
Pierino medico della S.A.U.B. (1981)
La moglie in bianco… l’amante al pepe (1980)
Dove vai se il vizietto non ce l’hai? (1979)
L’infermiera di notte (1979)
La vedova del trullo (1979)
La supplente va in città (1979)
L’insegnante balla… con tutta la classe (1978)
Il ginecologo della mutua (1977)
Il marito in collegio (1977)
La soldatessa alla visita militare (1977)
La vergine, il toro e il capricorno (1977)
L’appuntamento (1977)
Cassiodoro il più duro del pretorio (1976)
Classe mista (1976)
La dottoressa del distretto militare (1976)
La portiera nuda (1976)
La professoressa di scienze naturali (1976)
L’insegnante (1975)
La liceale (1975)
La nuora giovane (1975)
La poliziotta fa carriera (1975)
Sesso in testa (1974)
Boccaccio (1972)
Fiorina la vacca (1972)
Quando le donne si chiamavano ‘Madonne’ (1972)
Racconti proibiti… di niente vestiti (1972)
La Betia – ovvero in amore per ogni gaudenzia ci vuole sofferenza (1971)

 

VITTORIO CAPRIOLI

(1921, Napoli – 1989, Napoli)

Grande talento di attore, eclettico e virtuoso, ma anche bravo e sottovalutato regista. Ha sempre alternato l’attività teatrale a quella di attore cinematografico. L’esordio avvenne nel 1946, con “O sole mio!”, di Giacomo Gentilomo. Da allora interpretò film di tutti i tipi e di tutti i generi, da “Il generale Della Rovere” (1959) di Roberto Rossellini a “Zazie nel metrò” (1960) di Louis Malle, da “Crepa padrone, tutto va bene” (1972) di Jean-Luc Godard a “Il boss” (1973) di Fernando di Leo. Tra i suoi film come regista ricordiamo “Splendori e miserie di Madame Royale”, del 1970.

Filmografia parziale di Vittorio Caprioli

Grazie tante – Arrivederci (1977)
Maschio latino cercasi (1977)
Messalina, Messalina! (1977)
L’affittacamere (1976)
Ettore lo fusto (1975)
La governante (1975)
L’insegnante (1975)
Vieni, vieni amore mio (1975)
Di mamma non ce n’è una sola (1974)
L’erotomane (1974)
Innocenza e turbamento (1974)
Giovannona coscialunga, disonorata con onore (1973)
Quando le donne si chiamavano ‘Madonne’ (1972)
Poppea… una prostituta al servizio dell’impero (1972)
Quando gli uomini armarono la clava e… con le donne fecero din-don (1971)
Scusi, facciamo l’amore? (1968)

 

GIANNI CIARDO

(1949, Bari)

Il primo ruolo cinematografico di Ciardo risale al 1979, nel film “Quello strano desiderio” di Enzo Milioni. Seguono vari film comici in coppia con Alvaro Vitali e anche alcune sceneggiate (“I figli… so’ pezzi ‘e core” e “Tradimento”, diretti nel 1982 da Alfonso Brescia). Negli anni ottanta si cimenta soprattutto in varietà televisivi e film tv. Nonostante il talento e la simpatia, Ciardo è rimasto ai margini della popolarità, anche se poi ha ottenuto un notevole successo regionale con i suoi spettacoli teatrali e le sue sit-com andate in onda su un’emittente pugliese.

Filmografia parziale di Gianni Ciardo

Italiani a Rio (1987)
Provare per credere (tv – 1987)
Doppio misto (tv – 1986)
Ferragosto O.K. (tv – 1986)
Mezzo destro, mezzo sinistro, due calciatori senza pallone (1985)
È forte un casino! (1982)
Giovani, belle… probabilmente ricche (1982)
Il sommergibile più pazzo del mondo (1982)
L’esercito più pazzo del mondo (1981)
Pierino il fichissimo (1981)
Pierino medico della S.A.U.B. (1981)
La dottoressa preferisce i marinai (1981)
La liceale al mare con l’amica di papà (1980)
Quello strano desiderio (1979)

 

GIANFRANCO D’ANGELO

(1936, Roma)

Anche lui ha raggiunto la grande popolarità nei primi anni ottanta, con i varietà televisivi. I suoi personaggi (l’addestratore con il cane Hasfidanken) e le imitazioni a “Drive-in” hanno fatto epoca. Ma la sua carriera cinematografica, quasi esclusivamente brillante e comica, era cominciata molto prima. Da tempo si è allontanato dal grande e dal piccolo schermo per dedicarsi al teatro, ma lo ricordiamo nei panni di Enzo Mirigliani in “Le ragazze di Miss Italia” (2002), film per la tv diretto da Dino Risi.

Filmografia parziale di Gianfranco D’Angelo

Se lo fai sono guai (2004)
Biancaneve & Co. (1982)
Giovani, belle… probabilmente ricche (1982)
La gorilla (1982)
La settimana bianca (1981)
Io zombo, tu zombi, lei zomba (1979)
Tutti a squola (1979)
La liceale nella classe dei ripetenti (1978)
Scherzi da prete (1978)
La soldatessa alle grandi manovre (1978)
L’insegnante va in collegio (1978)
La compagna di banco (1977)
Maschio latino cercasi (1977)
Per amore di Poppea (1977)
Taxi Girl (1977)
Una bella governante di colore (1976)
Classe mista (1976)
La dottoressa del distretto militare (1976)
Ecco lingua d’argento (1976)
La professoressa di scienze naturali (1976)
Grazie nonna (1975)
L’insegnante (1975)
La liceale (1975)
La poliziotta fa carriera (1975)

 

PIPPO FRANCO

(1940, Roma)

Nato artisticamente nell’avanspettacolo e nel cabaret, è divenuto una delle colonne del Bagaglino. In televisione è apparso in tanti varietà di successo. Nel cinema esordisce nel 1968 con il film “Chimera” di Ettore M. Fizzarrotti, e in breve tempo si afferma come uno dei comici più amati e popolari. Tra i suoi film migliori ricordiamo “Che cosa è successo tra tuo padre e mia madre?” (1972) di Billy Wilder, “La via dei babbuini” (1974) di Luigi Magni e “Sono fotogenico” (1980) di Dino Risi. È stato anche regista (“La gatta da pelare”, del 1981), sceneggiatore, cantante e autore televisivo. Ultimamente si è dato al teatro, ma continua a fare il presentatore e a partecipare ai varietà del Bagaglino.

Filmografia parziale di Pippo Franco

Il tifoso, l’arbitro e il calciatore (1983)
Ricchi, ricchissimi, praticamente in mutande (1982)
Zucchero, miele e peperoncino (1980)
Tutti a squola (1979)
L’inquilina del piano di sopra (1978)
Scherzi da prete (1978)
Giovannona coscialunga, disonorata con onore (1973)
Quel gran pezzo della Ubalda tutta nuda e tutta calda (1973)
Boccaccio (1972)
Mazzabubù… quante corna stanno quaggiù? (1971)
Basta guardarla (1970)
Il debito coniugale (1970)

 

CARLO GIUFFRÈ

(1928, Napoli)

La gloriosa carriera di Giuffrè ebbe inizio nell’avanspettacolo. Recitò poi con grandi maestri come Eduardo De Filippo e nella Compagnia dei Giovani, accanto a Rossella Falck e Romolo Valli. Esordì nel cinema nel 1948, in “La macchina ammazzacattivi” di Roberto Rossellini. Tra i tanti suoi film ricordiamo “Il ferroviere” (1956) di Pietro Germi, “La ragazza con la pistola” (1968) di Mario Monicelli, “Son contento” (1983) di Maurizio Ponzi e “Pinocchio” (2002), diretto da Roberto Benigni, in cui interpreta il ruolo di Geppetto.

Filmografia parziale di Carlo Giuffrè

La cameriera seduce i villeggianti (1981)
La vedova del trullo (1979)
Voglia di donna (1978)
Maschio latino cercasi (1977)
Lezioni di violoncello con toccata e fuga (1976)
La ragazza alla pari (1976)
Scandalo in famiglia (1976)
Le seminariste (1976)
La supplente (1975)
Quel movimento che mi piace tanto (1975)
Lezioni private (1975)
Il trafficone (1974)
La signora gioca bene a scopa? (1974)
La vedova inconsolabile ringrazia quanti la consolarono (1973)
Bella, ricca, lieve difetto fisico, cerca anima gemella (1973)
Mazzabubù… quante corna stanno quaggiù? (1971)
Le inibizioni del dottor Gaudenzi, vedovo con il complesso della buonanima (1971)
Basta guardarla (1970)

 

ALDO MACCIONE

(1935, Torino)

È stato uno dei componenti dei Brutos, il famoso gruppo comico degli anni sessanta. Il suo esordio al cinema avviene, infatti, nel film “I magnifici Brutos del West” (1964), di Marino Girolami. La sua carriera si è sviluppata tra l’Italia e la Francia, dove si è trasferito negli anni ottanta. Tra gli altri suoi film da ricordare “Zitto quando parli” (1981) di Philippe Clair, in cui è accanto a Edwige Fenech, “Porca vacca” (1982) di Pasquale Festa Campanile e più recentemente “Perdiamoci di vista” (1994) di Carlo Verdone e “La leggenda di Al, John e Jack” (2002) di Aldo, Giovanni, Giacomo e Massimo Venier.

Filmografia parziale di Aldo Maccione

La poliziotta a New York (1981)
Tre sotto il lenzuolo (1980)
Fico d’India (1980)
Riavanti… Marsch! (1979)
Scusi, lei è normale? (1979)
Taxi Girl (1977)
La vergine, il toro e il capricorno (1977)
Bruciati da cocente passione (1976)
Spogliamoci così senza pudor (1976)
40 gradi all’ombra del lenzuolo (1976)
Frankenstein all’italiana – Prendimi, straziami che brucio di passione (1975)
Il piatto piange (1975)
Fischia il sesso (1974)

 

RENZO MONTAGNANI

(1930, Alessandria – 1997, Roma)

Commediante di razza, esordì curiosamente in un film drammatico, “I sogni muoiono all’alba” (1961), di Indro Montanelli, Mario Craveri e Enrico Gras. Quasi tutta la sua carriera è stata all’insegna della commedia più o meno sexy, ma vanno ricordati anche “Rappresaglia” (1973) di George Pan Cosmatos, “Il delitto Matteotti” (1973) di Florestano Vancini e il televisivo “La giacca verde” (1979), di Franco Giraldi, in cui offrì un’interpretazione memorabile. Grande popolarità gli fu data anche dai varietà televisivi e dal successo del personaggio di Don Fumino, sul quale venne realizzata una serie di telefilm.

Filmografia parziale di Renzo Montagnani

Pierino la peste alla riscossa (1982)
Perché non facciamo l’amore? (1981)
L’assistente sociale tutto pepe (1981)
I carabbinieri (1981)
Crema cioccolato e pa… prika (1981)
Il marito in vacanza (1981)
Mia moglie torna a scuola (1981)
La poliziotta a New York (1981)
La dottoressa preferisce i marinai (1981)
Tutta da scoprire (1981)
C’è un fantasma nel mio letto (1980)
La liceale al mare con l’amica di papà (1980)
Una moglie, due amici, quattro amanti (1980)
La moglie in vacanza… l’amante in città (1980)
Prestami tua moglie (1980)
Dove vai se il vizietto non ce l’hai? (1979)
Io zombo, tu zombi, lei zomba (1979)
Scusi, lei è normale? (1979)
La vedova del trullo (1979)
L’insegnante balla… con tutta la classe (1978)
L’insegnante viene a casa (1978)
La soldatessa alle grandi manovre (1978)
L’insegnante va in collegio (1978)
Il ginecologo della mutua (1977)
La soldatessa alla visita militare (1977)
L’appuntamento (1977)
Una bella governante di colore (1976)
Cassiodoro il più duro del pretorio (1976)
Donna… cosa si fa per te (1976)
Il letto in piazza (1976)
Peccatori di provincia (1976)
La segretaria privata di mio padre (1976)
Lezioni private (1975)
La moglie vergine (1975)
La nuora giovane (1975)
Quel movimento che mi piace tanto (1975)
Il vizio di famiglia (1975)
Peccati in famiglia (1975)
Una cavalla tutta nuda (1972)
Fiorina la vacca (1972)
Jus primae noctis (1972)
Mazzabubù… quante corna stanno quaggiù? (1971)

 

ALVARO VITALI

(1950, Roma)

Se Edwige Fenech è la regina della commedia sexy, lui è ha senza dubbio un posto d’onore a corte, soprattutto perché non ha mai rinnegato il passato. Sono in tanti ormai ad accorgersi delle sue qualità di comico. Lanciato da Federico Fellini nei film “Satyricon” (1969), “I clowns” (1970) “Roma” (1972), e “Amarcord” (1973), dove interpreta un personaggio per certi versi simile a quello che poi svilupperà nella commedia scollacciata, ha recitato anche con registi come Roman Polanski (“Che”, del 1972), Mario Monicelli (“Romanzo popolare” del 1974), Steno (“La poliziotta”, del 1974), Dino Risi (“Telefoni bianchi” del 1976) e Ruggero Deodato (“Uomini si nasce poliziotti si muore”, del 1976). Una delle sue ultime apparizioni cinematografiche è in “Mortacci” (1989), di Sergio Citti.

Filmografia parziale di Alvaro Vitali

Se lo fai sono guai (2004)
Club Vacanze (1995)
Pierino torna a scuola (1990)
Paulo Roberto Cotechiño centravanti di sfondamento (1983)
Il tifoso, l’arbitro e il calciatore (1983)
Giggi il bullo (1982)
Pierino colpisce ancora (1982)
L’onorevole con l’amante sotto il letto (1981)
Pierino contro tutti (1981)
Pierino medico della S.A.U.B. (1981)
La poliziotta a New York (1981)
La dottoressa preferisce i marinai (1981)
La dottoressa ci sta col colonnello (1980)
L’infermiera nella corsia dei militari (1980)
Liceale al mare con l’amica di papà (1980)
La ripetente fa l’occhietto al preside (1980)
Dove vai se il vizietto non ce l’hai? (1979)
L’infermiera di notte (1979)
L’insegnante al mare con tutta la classe (1979)
La liceale, il diavolo e l’acquasanta (1979)
La liceale seduce i professori (1979)
La poliziotta della squadra del buoncostume (1979)
L’insegnante balla… con tutta la classe (1978)
L’insegnante viene a casa (1978)
La liceale nella classe dei ripetenti (1978)
Scherzi da prete (1978)
La soldatessa alle grandi manovre (1978)
L’insegnante va in collegio (1978)
La compagna di banco (1977)
Per amore di Poppea (1977)
La soldatessa alla visita militare (1977)
Taxi Girl (1977)
La vergine, il toro e il capricorno (1977)
Classe mista (1976)
La dottoressa del distretto militare (1976)
La dottoressa sotto il lenzuolo (1976)
La professoressa di scienze naturali (1976)
La segretaria privata di mio padre (1976)
Spogliamoci così senza pudor (1976)
L’insegnante (1975)
La liceale (1975)
La poliziotta fa carriera (1975)
Frankenstein all’italiana – Prendimi, straziami che brucio di passione (1975)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*