Cosplayer

I GIOVANI GIAPPONESI TRA STREET FASHION E COSPLAY

I GIOVANI GIAPPONESI TRA STREET FASHION E COSPLAY

La domenica mattina i giovani giapponesi escono per le strade di Tokyo e si radunano in diversi quartieri a seconda del tipo di vestito che indossano. Spesso la tendenza seguita è la rielaborazione di una moda occidentale del passato. I rockabilly si vestono come i protagonisti di Grease degli anni cinquanta. I ragazzi, quando frequentano la scuola, usano divise che portano spesso anche fuori dall... »

COSPLAYER – LINDA È LA SENSUALE MAD MOXXI

COSPLAYER – LINDA È LA SENSUALE MAD MOXXI

Mad Moxxi è un personaggio della serie di videogiochi Borderlands, uno “sparatutto in prima persona” prodotto dalla Gearbox Software. Moxxi fa la barista ed è proprietaria dell’Underdome. L’Underdome è un’arena di combattimento dove si tengono degli scontri all’ultimo sangue. Moxxi ha fatto costruire l’arena per tenersi occupata fino a quando non troverà u... »

COSPLAYER – KELLY È DJ SONA

COSPLAYER – KELLY È DJ SONA

Nella foto in alto, la cosplayer Kelly Hill Tone nei panni di DJ Sona sul palco di Radio Deejay alla Milan Games Week del 2015. DJ Sona è un personaggio tratto da League of Legends, videogioco online del genere Moba sviluppato e pubblicato da Riot Games per Microsoft Windows e macOS. DJ Sona trasforma la musica di League of Legends con sound cinetici, martellanti ritmi concussivi e atmosfere etere... »

COSPLAYER – ARIANNA È SHUN CAVALIERE DI ANDROMEDA

COSPLAYER – ARIANNA È SHUN CAVALIERE DI ANDROMEDA

Shun è un personaggio dei Cavalieri dello Zodiaco, uno dei dieci cavalieri di bronzo devoto alla dea Atena. La particolarità della sua armatura è la catena di Andromeda che utilizza sia per attaccare sia per difendersi. Cavaliere gentile e nobile d’animo, Shun cavaliere di Andromeda odia la violenza, ma è costretto a combattere essendo votato al sacrificio. Ha un forte legame con il fratello... »

Comiket Cosplay

DOUJINSHI: I MANGA SENZA LIMITI

Dieci anni fa è prematuramente scomparso un uomo gentile di nome Yoshihiro Yonezawa. Ebbi la fortuna di conoscerlo e intervistarlo a Venezia, durante la Biennale di architettura del 2004, nel padiglione giapponese tutto dedicato alla sottocultura degli otaku e alla loro influenza nello spazio urbano, partendo dall’arredo delle camere per arrivare ai quartieri a loro dedicati come Akihabara. ... »