Syndacate

FELIX, IL GATTO NERO IN STILE DISNEYANO PRIMA DI DISNEY

FELIX, IL GATTO NERO IN STILE DISNEYANO PRIMA DI DISNEY

I primi personaggi dei cartoni animati erano unidimensionali e spigolosi, così come i primi fumetti creati dagli ex illustratori satirici alla fine dell’ottocento. Poi il gatto Felix, dell’australiano Pat Sullivan, si impose grazie a un tratto morbido e tondeggiante. Quello che oggi chiamiamo stile disneyano, in realtà, Walt Disney e il suo collaboratore Ub Iwerks lo presero proprio da... »

QUANDO È NATO IL FUMETTO NON SI SA

QUANDO È NATO IL FUMETTO NON SI SA

Un fumetto, per essere definito tale, deve rappresentare un’azione in una sequenza di vignette e deve essere fornito di dialoghi all’interno delle nuvolette. Da secoli abbiamo esempi separati con l’uno o l’altro elemento, ma solo in tempi relativamente recenti questi si sono saldati dando vita, appunto, al fumetto. Vediamo come sono andate le cose. Gli illustratori si sono spesso serviti, al... »

MAGNUS SI ISPIRA A DRAGO DI HOGARTH

MAGNUS SI ISPIRA A DRAGO DI HOGARTH

Burne Hogarth (1911-1996) è stato uno dei più importanti disegnatori di fumetti americani, anche se è più apprezzato in Europa (soprattutto in Francia) che in patria. Nel 1937 inizia a disegnare le tavole di Tarzan per i supplementi domenicali a colori dei quotidiani americani, prendendo il posto del grande Hal Foster. Nel 1945, Hogarth lascia la serie perché i responsabili dell’United Featu... »

L’INCONTRO SEGRETO TRA WALT DISNEY E BENITO MUSSOLINI

L’INCONTRO SEGRETO TRA WALT DISNEY E BENITO MUSSOLINI

Nel 1935 Walt Disney fece un viaggio in Europa, incontrando gli editori locali delle sue creazioni. Venne anche in Italia, per definire il passaggio dei diritti di stampa dei suoi personaggi dall’editore fiorentino Nerbini al milanese Mondadori. Walt Disney incontrò anche Benito Mussolini? Una prima risposta ci viene data dall’intervista che Romano Mussolini rilasciò alla rivista “If” ... »

BATMAN POP

BATMAN POP

Dicembre 1966. Ho sei anni, da alcuni mesi frequento il primo anno di scuola. All’edicola mio padre mi dice di prendere un giornalino per imparare a leggere più in fretta. La mia manina afferra il numero 2 del Batman della Mondadori. Non conosco Batman e so a malapena cosa siano i fumetti. Forse più che Batman, disegnato nel margine sinistro della copertina, è Batgirl in centro ad attrarmi. ... »

BUCK ROGERS PORTA IL REALISMO NEL FUMETTO

BUCK ROGERS PORTA IL REALISMO NEL FUMETTO

L’anno è il 1929, alcuni mesi prima dell’inizio della Grande depressione economica. Il 7 gennaio, nei quotidiani escono in contemporanea due strisce destinate a rivoluzionare i fumetti. Salvo eccezioni sporadiche, tutti i fumetti erano comici (in inglese si chiamano “comics” per questo motivo), ma quel giorno fanno la comparsa in forma disegnata due personaggi delle pulp, le riviste di narrativa p... »

CACCIA ALL’UOMO A DOGPATCH

CACCIA ALL’UOMO A DOGPATCH

Immaginate la scena: un’orda di ragazze in età da marito (e anche nubili ben oltre quella fascia d’età) che inseguono gli scapoli del paese e li rastrellano casa per casa. Davvero una visione apocalittica, frutto della mente deviata di uno scrittore pazzo. Andiamo con ordine. Li’l Abner è una striscia a fumetti creata dal cartoonist statunitense Al Capp. Arriviamo in una cittadina fittizia d... »

FLASH GORDON E L’ART DÉCO

FLASH GORDON E L’ART DÉCO

Flash Gordon è uscito per la prima volta nel 1934, grazie alla King Feature Syndacate, la maggiore agenzia di distribuzione di fumetti dei quotidiani americani. Pur essendo una copiatura spudorata di Buck Rogers, il primo personaggio di fantascienza dei fumetti creato nel 1929, Flash Gordon ha molto più successo. I testi di Gordon sono di Don Moore, redattore dei romanzi fantascientifici di Edgar ... »

L’INQUIETANTE LIO

L’INQUIETANTE LIO

Lio è un bambino che vive in un mondo tutto suo, fatto di mostri, alieni e robot. Il mondo di noialtri che, da piccoli, non ci entusiasmavamo alle partite di calcio e non stravedevamo per le moto di grossa cilindrata. Le brevissime avventure comiche di Lio vengono pubblicate dal 2006 in circa cento quotidiani americani (non moltissimi), mentre in Italia sono del tutto sconosciute benché, essendo s... »

LE PERVERSIONI DI BETTY BOOP

LE PERVERSIONI DI BETTY BOOP

Siamo nel 1931, l’America vive ancora a contatto con lo spettro della recessione. Le dure riforme attuate dal presidente Franklin D. Roosevelt stanno per dare il giusto innesco alla ripresa economica, ma il momento è ancora delicato. Ora più che mai i cittadini hanno bisogno di qualcosa che li affranchi, almeno momentaneamente, dalla pesante realtà quotidiana. Il cinema si gioca l’arma della “sex ... »