Luoghi

PERSONAGGI E FIGURE DEL PRESEPE SARDO

PERSONAGGI E FIGURE DEL PRESEPE SARDO

Accanto al presepe tradizionale e a quello napoletano, con le classiche figure dei pastorelli, degli artigiani e dei commercianti più o meno ambulanti, sta prendendo corpo, nelle vetrine dei negozi, nelle abitazioni private, il presepe di un’altra regione: la Sardegna. Che cosa c’entra la Sardegna con la Palestina? Poco, direte, eppure… Il presepe sardo è più sobrio e meno affollato di quello napo... »

I CLIENTI DI AVRENOS, DI SIMENON

I CLIENTI DI AVRENOS, DI SIMENON

I clienti di Avrenos (Les clients d’Avrenos; 1935, wikipedia dà 1934) è un racconto lungo, ma compiuto come un romanzo. Affascinante, oscuro senza essere un “giallo”. Letto in una sera e, man mano che la sera passava, sprofondavo via via in un’atmosfera che mi ha ricordato altri luoghi, diversi ma simili per certi versi, se non fosse stato che i tempi erano altri. Ma la gen... »

BATTLEFIELD 1: LA PRIMA GUERRA MONDIALE È UN GIOCO

BATTLEFIELD 1: LA PRIMA GUERRA MONDIALE È UN GIOCO

Gli youtuber Gabbodsquared, JustRohn, Mikeshowsha e IlVostrocaroDexter hanno realizzato una versione "real life" del nuovo videogame bellico Battlefield 1 »

QUEI 18 MORTI ALLO STADIO DI BASTIA

QUEI 18 MORTI ALLO STADIO DI BASTIA

Era svizzero, professore assistente di tedesco, e proveniva dal F.C. Barcellona. Si chiamava Hans Ruesh. Nel 1905, con l’ausilio di alcuni alunni del liceo in cui insegnava, fondò lo Sporting Club di Bastia. In origine lo S.C.B. era una società polisportiva che comprendeva, oltre al calcio, l’atletica, il sollevamento pesi, la boxe e la lotta. I suoi membri si allenavano in una sala situata nel me... »

firma di Edith Southwell

LA CORSICA DI EDITH SOUTHWELL COLUCCI

“Nacqui in una casa appollaiata sulle rocce di Corsica, fra le montagne e il mar Tirreno.” Così Edith Stelen Southwell nella prefazione ai suoi Racconti Corsi (ed. Raffaele Giusti, Livorno, 1928). Le rocce in questione sono quelle delle Ville di Pietrabugno, site appena sopra la città di Bastia, e la casa che l’accolse il 26 dicembre 1888 era quella che fu di F.D. Guerrazzi, il quale vi giunse, in... »

CORSICA, UN SASSO NEL CUORE

CORSICA, UN SASSO NEL CUORE

I corsi, come tutti i popoli stanziati intorno al Mediterraneo, hanno conosciuto e soffrono ancora l’esilio. E tutti sono profondamente nostalgici. Ma ai corsi è concesso qualcosa in più: hanno un sasso nel cuore »

Luxembourg, il Gründ

UN CALABRESE IN LUSSEMBURGO

Sono calabrese. E se sei calabrese, prima o poi emigri. Dev’essere una cosa che abbiamo nel sangue: nasci, ci pensi un po’, ma alla fine parti. Io son diventato emigrante a tre anni; col papà, la mamma e la sorella ci siamo arrampicati su al nord per mezza Italia, emigranti fermati a Roma. Ora, se sei già stato emigrante diventi emigrato, cresci, vivi e non ci pensi più, ma no, il sang... »

MAZZERI E MURTULAGHJI: SCIAMANI NEL MEDITERRANEO

MAZZERI E MURTULAGHJI: SCIAMANI NEL MEDITERRANEO

La cultura popolare dell’area mediterranea è affollata da personaggi misteriosi, infernali e sanguinari. È un complesso di leggende, credenze, mitologie, figure paurose che s’intersecano, si nutrono le une delle altre o, al contrario, prendono vita spontaneamente e si sviluppano in un territorio isolato dal resto del mondo. L’isola di Corsica è uno di quei luoghi privilegiati dove prolificano ques... »

ANCHE I GIAPPONESI FANNO A PUGNI

ANCHE I GIAPPONESI FANNO A PUGNI

In poche metropoli come Tokyo si percepisce un tale livello di ordine e sicurezza. Basta non rompere le scatole a certi tizi molto, molto tatuati, e difficilmente ti può succedere qualcosa. Un loro quartiere “vivace” come Ikebukuro fa ridere, se confrontato alle nostre periferie. Ikebukuro è comunque l’unico posto dove ho visto in pieno giorno un ragazzo grosso tentare di pestarne un altro smilzo,... »

IL DIO D’ACQUA DI MARCEL GRIAULE

IL DIO D’ACQUA DI MARCEL GRIAULE

Marcel Griaule, uno dei più importanti antropologi del Novecento, ebbe i suoi primi contatti con i Dogon della Nigeria insediati nella regione del Massiccio di Bandiagara – oggi l’odierno Mali – nel 1931. La sua missione, Dakar-Djibouti, restò nei pressi fino al 1939, ovvero fino allo scoppio della seconda guerra mondiale. Solo nel 1946 Griaule poté ritornare in Africa e continua... »

SANTA ROSALIA È UNA COSPLAYER

SANTA ROSALIA È UNA COSPLAYER

Santa Rosalia di Max Ferrigno ha gli occhi grandi come pozze d’acqua, un piglio da generalessa, un’anima dolce e tanti tatuaggi. È una cosplayer ma è anche Santa Rosalia, la santuzza di Max Ferrigno, torinese di nascita che ha scelto Palermo per passione, che declina i manga nipponici in sicilian-style. «È a tutti gli effetti una cos-player: la mia Rosalia è una ragazza di Palermo come tante, alte... »