I PEGGIORI CARTONI ANNI ’80 BASATI SUI FILM

I PEGGIORI CARTONI ANNI ’80 BASATI SUI FILM

Chi negli anni ottanta era un ragazzino nell’ultima decina d’anni si è visto sparare in faccia un bel po’ di proiettili da Hollywood con scritto sopra “nostalgia”, tipo Tartarughe Ninja, Transformers e G.I. Joe.
Oggi abbiamo film basati su serie animate degli anni ottanta, mentre negli anni ottanta c’erano serie animate basate sui film…

 

Mister T (1983)

Le peggiori serie animate anni 80 Mr. T cartone animato 1983

Oppure, come in questo caso, serie televisive che con i cartoni animati non avevano niente da spartire. Tipo Laurence Tureaud, meglio conosciuto come Mr. T.
Nel 1983, la Ruby-Spears Productions, studio d’animazione sussidiaria della Hanna-Barbera, se ne uscì con questa serie piuttosto agghiacciante basata, appunto, su Mr. T.

Le peggiori serie animate anni 80 Mr. T cartone animato 1983

Ché poi, fare un cartone animato basato su uno che è diventato famoso per i ruoli del violento e aggressivo pugile Clubber Lang in Rocky III e del latitante mercenario Bosco “P.E.” Baracus in A-Team mi pare più che giusto.
Andata avanti pure troppo dal 1983 al 1986 per un totale di trenta episodi divisi in tre stagioni, la serie vedeva Mr. T. allenatore di una stereotipata squadra di ginnastica multietnica politicamente corretta. Che andava in giro per il mondo a risolvere crimini e misteri. Per farla breve, una versione di Scooby-Doo più coatta e con stereotipi razziali.

Chuck Norris: Karate Kommandos (1986)

Le peggiori serie animate anni 80 Chuck Norris cartoon

A proposito di cose che c’entrano come la maionese sugli spaghetti: difficile crederlo, ma davvero hanno fatto un cartone animato su Chuck Norris! Realizzato sempre dalla Ruby-Spears, Chuck Norris: Karate Kommandos è praticamente la stessa paccottiglia del precedente Mr. T.
Ogni episodio iniziava e finiva con Chuck Norris in una palestra che dispensava preziose perle di saggezza morale ai giovani telespettatori.

Le peggiori serie animate anni 80 Chuck Norris cartoon

Almeno dalla sua Mr. T aveva il fatto che all’epoca era un esordiente. Chuck Norris, invece, aveva già una quindicina d’anni d’esperienza e più o meno una ventina di film all’attivo. Tipo Una Magnum per McQuadeRombo di tuono, Invasion Usa, Delta Force e via dicendo. Tutte cose per niente violente.

In linea con il suo personaggio, Chuck Norris era il capo di una squadra di guerrieri “radicalmente diversi” in lotta contro la malvagia organizzazione Vulture, guidata da The Claw e dal suo braccio destro Super Ninja. Che te lo dico a fare, un successone proprio. Infatti, la serie è durata giusto cinque episodi.

Rambo: The Force of Freedom (1986)

Le peggiori serie animate anni 80 Rambo force of freedom cartone animato 1986

Il bello degli anni ottanta è che qualunque porcata venuta in mente all’ultimo dei disadattati poteva trasformarsi in una solida realtà. In questo caso alla solita Ruby-Spears, visto che con Chuck Norris non erano andati da nessuna parte, pensarono che, forse, un personaggio come John Rambo sarebbe stato il modello ideale per un pubblico di bambini.

Le peggiori serie animate anni 80 Rambo force of freedom cartone animato 1986

Quindi ecco che ti ciccia fuori Rambo: The Force of Freedom. Sulla falsariga dei G.I. Joe, Rambo, un reduce del Vietnam gravemente disturbato (protagonista del romanzo originale First Blood di David Morell in cui fa letteralmente una strage e da cui è tratto il film R-Rated con Sylvester Stallone), si trasforma in un cartone animato per famiglie.

Interessante notare come Rambo in Force of Freedom faccia parte della solita squadra che, con educazione, buone maniere e bombe “esporta democrazia e civiltà”. I cattivi della serie sono una organizzazione neonazista chiamata Savage. Nessuno è mai morto in questo cartone, c’è solo gente contenta di essere salvata dagli americani.

RoboCop: The Animated Series (1988)

Le peggiori serie animate anni 80 Robocop cartone animato 1988

Su RoboCop, uno dei miei film preferiti, ho tirato giù un bel pippone (se non lo ricordate basta un click qui). In cui si anticipava di come pure lui sia stato sbattuto nel delirante mischione di serie animate anni ottanta.

Le peggiori serie animate anni 80 Robocop cartone animato 1988

Se Chuck Norris e Rambo possono diventare cartoni animati, non vedo perché sorprendersi per Robocop. Sì, uno dei film più violenti degli anni ottanta, in cui l’agente Alex Murphy viene torturato e massacrato a fucilate. I resti del suo cadavere crivellato dai proiettili trattati come materiali di scarto, quindi assemblati in un cyborg che ammazza i criminali senza tanti complimenti: tutto questo trasformato in un innocuo spettacolo per giovani telespettatori.

Stavolta la Ruby-Spears non c’entra niente. Il “merito” di RoboCop: The Animated Series è tutto della Marvel che l’ha prodotto. Nel cartone, per evitare di mostrare ferite da armi da fuoco, le pistole sono state sostituite con armi laser. Non contenti, alla fine degli anni novanta hanno lanciato una seconda serie animata, RoboCop: Alpha Commando. Anche peggio di questa.

The Karate Kid (1989)

Le peggiori serie animate anni 80 Karate Kid cartone animato 1989

Adattare un film come Karate Kid in un cartone animato ha già più senso rispetto a Rambo e RoboCop. La trama di Karate Kid si basa su un tizio che impara le arti marziali per fare il culo ai bulli, ma almeno non ci sono sparatorie, morti ammazzati e sangue a go go.

Le peggiori serie animate anni 80 Karate Kid cartone animato 1989

La serie animata è stata impostata su un setting action/adventure piuttosto classico, sullo stile di Carmen Sandiego, tanto per capirci. Col maestro Miyagi alla ricerca di una statuetta dai poteri magici rubata dal tempio di Okinawa e Daniel LaRusso che lo accompagna in giro per il mondo nel tentativo di recuperarla. Su carta la cosa pare pure carina; infatti la Columbia Pictures ci credeva malamente, tanto che programmò sessantacinque episodi. Peccato che la serie venne cancellata dopo il tredicesimo.

Back to the Future: The Animated Series (1991)

Le peggiori serie animate anni 80 Ritorno al futuro cartone animato 1991

Due cose sono sicure: la morte e il fatto che se qualcosa ha anche solo quel minimo di successo dev’essere strizzata fino in fondo. Infatti, appena conclusa la trilogia cinematografica, nel 1991 venne prodotta e mandata in onda la serie animata basata su Ritorno al futuro.

Le peggiori serie animate anni 80 Ritorno al futuro cartone animato 1991

Sinceramente di questa serie ricordo poco o niente. Solo il fatto che, nonostante il protagonista dei film fosse Marty, nella serie animata era un certo Doc Brown. Con la moglie Clara e i due figli Jules e Verne, che trovavo estremamente irritanti come personaggi. Oltre al fatto che c’erano segmenti live action in cui Christopher Lloyd mostrava piccoli esperimenti nei panni di Doc. Ho letto che c’era pure Thomas F. Wilson che riprendeva il ruolo di Biff Tannen raccontando una barzelletta alla fine di ogni episodio, ma non me lo ricordo per niente.

Toxic Crusaders (1991)

Le peggiori serie animate anni 80 Toxic crusaders cartoon 1991

Ok, ci stiamo un po’ allontanando temporalmente da quelle che dovrebbero essere le serie animate anni ottanta, ma la tendenza dei cartoni che stiamo descrivendo è continuata fino alla prima metà degli anni novanta.

Le peggiori serie animate anni 80 Toxic crusaders cartoon 1991

Diciamo che i film splatter e pieni di nudità della Troma non sono forse adattissime per i bambini. Non so a chi sia mai potuto venire in mente, ma sta di fatto che hanno preso il film horror The Toxic Avenger e l’hanno trasformato in un cartone animato sulla scia della moda del momento, con tutta quella roba ambientalista tipo Capitan Planet.

Lo show è andato avanti per soli tredici annacquatissimi episodi, da cui è stata eliminata ogni traccia di violenza, sesso, sangue e volgarità, che erano praticamente l’anima del film. Anche se devo ammettere che, riguardandolo, piuttosto che il tentativo di far passare un messaggio ambientalista, questa serie mi pare più un tentativo di plagio delle Tartarughe Ninja.

Conan The Adventurer (1992)

Le peggiori serie animate anni 80 Conan the adventurer cartone animato 1992

Conan il Barbaro: guerriero, mercenario, ladro, assassino e puttaniere incallitissimo. Nel film del 1982 di John Milius con Arnold Schwarzenegger c’erano dei dialoghi magnifici. A un certo punto al barbaro viene chiesto: “Conan, qual è il meglio della vita?”; e lui risponde: “Schiacciare i nemici, inseguirli mentre fuggono e ascoltare i lamenti delle femmine”.
E da qualche parte qualcuno ha pensato: sì, questo è materiale adatto per farci una serie animata per bambini.

Le peggiori serie animate anni 80 Conan the adventurer cartone animato 1992

Ovviamente la serie animata tralascia quasi per intero gli aspetti più, come dire, “pesanti” di Conan. Lasciando spazio all’avventura pura e semplice, rendendo così il personaggio molto più simile a un He-Man senza tinta e messa in piega. Già all’epoca pensavo fosse abbastanza sciocca la spada che rivelava la vera natura dei nemici uomini-serpente, ma tant’è. Alla fine non era proprio malaccio. Tanto, che a differenza di quasi tutte le altre serie animate anni ottanta elencate, Conan The Adventurer ha avuto un certo successo andando avanti per ben sessantacinque episodi.

Highlander: The Animated Series (1994)

Le peggiori serie animate anni 80 Highlander cartone animato del 1994

Highlander presenta una caratteristica piuttosto affascinante: pur essendo un film assolutamente orribile è comunque incredibilmente infognante. Mentre questa serie animata è orribile e basta.

Le peggiori serie animate anni 80 Highlander cartone animato del 1994

La storia è ambientata ben settecento anni nel futuro (apocalittico tra l’altro), in cui un meteorite ha quasi spazzato via la vita dal pianeta. Il protagonista è Quentin MacLeod, discendente di Connor MacLeod, che insieme agli immortali rimasti (i quali hanno abbandonato il “gioco”) cerca di rimettere a posto le cose. Nel frattempo, deve sconfiggere il malvagio Kortan, l’unico immortale che ha rifiutato di rinunciare al gioco e alla ricompensa.

Animazioni scadenti, una storia delirante, confusa e solo vagamente connessa al materiale originale. La pur minima violenza del film è venuta del tutto a mancare (dopotutto gli immortali dovrebbero tagliarsi la testa a vicenda). Insomma, i quaranta episodi della serie sono troppissimi.

Ace Ventura: Pet Detective (1995)

Le peggiori serie animate anni 80 Ace Ventura cartone animato del 1995

Ero indeciso se mettere Beetlejuice, perché le analogie sono parecchie, ma alla fine ho deciso di prendere in considerazione la serie animata su Ace Ventura.

Le peggiori serie animate anni 80 Ace Ventura cartone animato del 1995

Il personaggio di Jim Carrey, con il suo umorismo demenziale, è sicuramente “accessibile” ai più piccoli, quindi prendere Ace Ventura e trasformarlo in un cartone animato è comprensibile. Tuttavia, l’Ace Ventura cinematografico era decisamente molto volgare. Faceva continue allusioni sessuali e una delle gag ricorrenti è quella dove parlava con il culo. Non so se rendo l’idea.

La serie animata si concentra maggiormente sugli aspetti stravaganti del personaggio, con un umorismo slapstick privo di riferimenti per adulti. Incredibile ma vero, la cosa ha funzionato. Tanto che la serie di Ace Ventura è andata avanti per cinque anni.

Detto questo credo che con le serie animate anni ottanta (e non) basate sui film sia tutto.

Stay Tuned, ma sopratutto Stay Retro.

6 commenti

  1. Il cartone di Conan non era male. Ma non si trattava di un adattamento del film.

  2. Highlander è un film orribile solo a casa tua. È meraviglioso!

    • Ma infatti!!

  3. articolo molto interessante, ma non capisco molto il moralismo riferito ai personaggi e ai film di riferimento; il senso della morale negli anni Settanta e Ottanta era molto meno pruriginoso di quello attuale; si giocava normalmente sparandosi con pistole scacciacani e chi aveva il mitra giocattolo era il bambino piû tosto; A-Team era una serie che metteva in luce come brave persone potessero finire nei pasticci a causa del potere corrotto, per esempio; da.bambino e ragazzo ho viato di tutto al cinema, e in discoteca.molti pezzi erano pesantemente allusivi al sesso; non mi rammarico di non essere.vissuto ai tempi attuali disinfettati per migliore igiene mentale del bimbo; per il mio gusto vorrei leggere articoli privi di considerazioni morali, forse.sbaglio, però poi si finisce a dare man forte a quelli che fanno rimuovere i fumetti su Facebook perché inopportuni; mia opinione; ciao;

  4. qui, è un gran bell’articolo, mi riferisco alle ironie sull’usare personaggi violenti per cartoni per bambini;
    sono piuttosto preoccupato dalla deriva delirante del politically correct, nel Paese in cui vivo è ormai normale bruciare i libri che non vanno bene o censurare le poesie non allineate – d’altra parte hanno bandito Derrick per sempre perché l’attore non si era abbastanza pentito di aver fatto il soldato nel 1944; se vuoi parlare del passato devi prima prenderne le distanze e poi ridicolizzarlo – altrimenti sonongrane; probabilmente sono ipersensibile e la cautela anche se ironica mi rende idrofobo;

  5. Rambo era mitico . No capisco perché è nella lista

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy resa ai sensi del D.lgs 196/2003 e del GDPR 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità espresse nella stessa e di avere almeno 16 anni. Tutti i dati saranno trattati con riservatezza e non divulgati a terzi. Potrò revocare il mio consenso in qualsiasi momento, integralmente o parzialmente, con effetto futuro, ed esercitare i miei diritti mediante notifica a info@giornalepop.it

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*