BERSERK E L’INQUISITRICE

BERSERK E L’INQUISITRICE

VIETATO AI MINORI

Berserk è un fumetto di Kentaro Miura realizzato a partire dal 1989 per il settimanale “Young Animal”, della casa editrice Hakusensha. In Italia viene pubblicato dal 1996 in diverse edizioni dalla Panini. La serie di Berserk, arrivata alla 38esima raccolta in volume, è ancora in corso (sia pure a rallentatore).

Malgrado il titolo della serie, il personaggio non si chiama Berserk, ma Gatsu il “guerriero nero”. Non è un fumetto consigliabile agli estimatori di Principe Valiant, l’elegante fumetto di Hal Foster pubblicato nelle pagine dei supplementi domenicali a colori dei quotidiani americani a partire dal 1937 e, recentemente, ripresentato in Italia dalle edizioni Nona Arte.

icono_valiant_him_1
All’inizio della saga, Valiant è un giovane che sogna di diventare cavaliere della Tavola rotonda secondo la stucchevole tradizione romantica, sicuramente lontana dalla realtà storica. Per distinguere la verità dall’ipocrisia della letteratura, basti dire che Thomas Malory, a cui dobbiamo le storie più famose dei cavalieri di re Artù, è stato imprigionato più volte per rapina e stupro durante le battaglie, due attività probabilmente consuete per molti cavalieri.

berserk_head
Ecco, rispetto Valiant, Gatsu esagera dal lato opposto. Pur essendo personalmente un ragazzo per bene, fa parte di un mondo dove la violenza è ipertrofica. Tanto per fare un esempio, queste sono le prime quattro tavole della serie.

Le pagine dei fumetti giapponesi si guardano da destra a sinistra.

berserk-0421171987588618651471523749800132776393715561772941656080046
Per difendersi in questo habitat che solo eufemisticamente possiamo definire ostile, Berserk è dotato di alcune armi particolari, come la balestra a ripetizione incorporata.

Qualcosa di simile, in una versione più grande, l’avevano gli ellenistici e i romani.

009 22384754618960563921398100251 212385804117546992281312460632

Soprattutto, Berserk è dotato di uno spadone esagerato che nessun essere umano riuscirebbe a maneggiare, ma che lui utilizza con dovizia per macellare i nemici.

011 66420102552678251540653665 1407373997140843031967554405
C’è da dire che il buon vecchio Ken il Guerriero, nel quale è chiara l’ispirazione splatter, otteneva lo stesso effetto usando le sole mani nude.

Bisogna cercare di capirlo, Berserk è nato cadendo dal corpo di una donna impiccata, per poi venire adottato da un gruppo di mercenari che l’hanno tirato su in mezzo al sangue.

Stavolta, similmente a Principe Valiant, non si capisce in quale epoca di preciso si muova Berserk. Però se la griglia di Valiant è di almeno un millennio, dal 500 al 1500, quella di Berserk pare restringersi al 1200-1500 (con accenni al 1600 per quanto riguarda l’alta moda femminile di palazzo). I giapponesi leggono sin da bambini le favole ambientate in un favoloso medioevo europeo, malgrado possiedano un passato ricco di samurai e di essere magici (tra i quali noi tutti prediligiamo i kappa acquatici), quindi non stupisce se amano questo genere anche da grandi, sia pure rivisitato.

A mortificare ulteriormente la nostra esigenza di logica, c’è il fatto che la geografia di Miura è quasi del tutto inventata. Berserk è un personaggio sword and sorcery (“spada e stregoneria”), cioè un fantasy per maschi. In effetti la magia è molto presente, e tenendo conto dell’aria di disperazione che circonda questo personaggio, direi che è stato ispirato dal primigenio e più celebre eroe sword and sorcery, Conan il Barbaro, soprattutto quello della versione cinematografica di John Milius (1982).

arnold-schwarzenegger_53936
Il film di Milius inizia con la tribolatissima infanzia e adolescenza di Conan: sicuramente Miura ha cercato di catturarne le atmosfere. Se Conan è ambientato in una improbabile preistoria perduta (dove il suo creatore Robert E. Howard ha posto i popoli antichi che Edgar R. Burroughs collocava nell’Africa di Tarzan), Berserk vive in una dimensione alternativa. Simile al nostro mondo, ma non il medesimo. Miura non aveva alcuna voglia di studiare il complicato medioevo: è sempre più comodo inventare.

berserk-monsters
Nel medioevo horror di Berserk, Kentaro Miura traspone tutti gli elementi magici che può, lasciandoli agire senza spiegarne il senso, se non per vaghi cenni. Pare fare riferimento anche al processo intentato dalla Chiesa contro i cavalieri templari accusati di adorare Bafometto, un idolo pagano che sembra ricorrere in Berserk sotto forma dell’Uovo del re conquistatore. L’uovo è un simbolo cosmico e la tendenza al cosmico in Berserk , non trovando sbocchi, alla lunga diventa stucchevole.

b199dd2132526c898acb57f46f9b1aea
In generale non è facile giustificare il senso delle situazioni magiche, e infatti Miura non sa districarsi nelle sue figure soprannaturali, che ogni tanto passa in rassegna solo per ricordare che ci sono. Sottendono qualche avvenimento apocalittico previsto per il gran finale, se mai si arriverà a quel momento: Miura va avanti a braccio senza sapere dove andrà a parare, come capiamo sin dall’enorme parentesi aperta dopo l’inizio della serie in media res, per narrare la storia del personaggio dal principio. Le presenze mostruose di Berserk, come gli eventi soprannaturali che appaiono nella serie “X” delle Clamp, servono a creare il clima delle storie indipendentemente dal fatto che l’apocalisse arriverà davvero.

Parlando di esseri magici, lo stesso compagno inseparabile di Gatsu è un elfo. Una specie di Campanellino di Peter Pan, il mio personaggio preferito di Walt Disney (Campanellino, non Peter Pan). Da piccolo ne volevo uno come lei per giocarci, tanto era “birichina”.

1494702545668123305788351836
Soprattutto gli avversari magico-mostruosi di Berserk ricordano quelli di Conan, anche se hanno un fondo più esoterico. Il loro aspetto viene preso in prestito da qualsiasi tradizione disponibile, persino da quella fantascientifico-filmica: da “Mars attacks!” ad “Alien”.

103943690312771184221351710363 9898750591346922789515218360
Oltre all’aspetto soprannaturale c’è quello guerriero, che risveglia nel lettore il desiderio del combattimento fisico. Rappresenta una regressione infantile, ai tempi dei pupazzetti dei Masters of the Universe (o i robottoni che avevano in Giappone) e delle lotte con i coetanei. Questa componente di Berserk agisce nelle menti dei lettori ormai non più tanto giovani per praticare ancora questo tipo di svaghi, ma neppure troppo vecchi per esserseli dimenticati. La violenza scatena anche la parte propriamente sadica dei lettori, repressa dai genitori nell’infanzia. Repressione sicuramente maggiore nei giapponesi. Il sesso è spesso, anche se non sempre, rappresentato in forma violenta o collegato a mostri stupratori. Pure i nemici con le sembianze umane sono in un certo senso mostri, semplici personificazioni del male e quindi noiosi in quanto privi di spessore. Solo le figure intermedie nelle file degli avversari, che sembrano spesso volere cambiare fronte (e a volte lo fanno), sono ricche di ambigue sfaccettature.

sesso_grifis_4
Non mi avventuro a descrivere ogni singolo personaggio e avversario della serie, perché questi sono un fottìo e l’elencazione sarebbe tediosa. I lettori proiettati nel mondo di Berserk possono provare per alcuni di essi anche forti sentimenti affettivi. Per esempio, un tizio che conosco vorrebbe avere rapporti sessuali con Slan: inutile spiegargli che non esiste. A me fanno schifo i suoi capelli.

3512257-6191429112-tumbl
Ogni tanto gli episodi di Berserk si condensano attorno a un personaggio e a una situazione, dando vita a una storia di senso più o meno compiuto. La qualità della sceneggiatura è diseguale: a cicli di buon livello, soprattutto all’inizio, se ne alternano troppi scritti con i piedi.

La mia storia preferita è quella che inizia nel volumetto numero 15, con al centro l’inquisitrice Farnese (i Farnese erano una dinastia italiana del rinascimento), comandante della Santa catena ferrea (qualunque cosa voglia dire). La giovane è stata inviata dalle autorità ecclesiastiche paracristiane per indagare su Berserk, dato che intorno a lui sembra avvenire ogni sorta di evento sovrannaturale.

Seguendo la scia delle devastazioni lasciate da Berserk nella sua diuturna lotta contro i mostri, la vezzosa Farnese si avvicina alla preda.

La stronzetta, ritenendo Berserk colpevole delle morti e delle devastazioni dovute ai mostri che lo perseguitano, ordina ai suoi uomini di catturarlo. Pur indebolito da uno scontro precedente, il nostro eroe si difende come un leone.

Adesso traduco letteralmente per voi ignorantoni che non conoscete le lingue straniere.

“Mi fate una sega!”.
“Dice a te, capo!”.
“Spaccategli il culo, teste di cazzo!”.

Il mio inglese è purissimo.

“E ora chi ce l’ha più lungo, eh?”.

“Lestofante, pagherai il fio!”: Farnese si esprime, invece, in maniera aulica.

Il solito culo dei principianti, Berserk, affaticato da tanti scontri, sviene. Non certo per lo spiedino della stronzetta, che in altre circostanze avrebbe usato come stuzzicadenti.

A proposito di culo, ecco il solito cortigiano che si fionda subito a leccarglielo complimentandosi per la sua supposta brillante azione.

Del resto, alzi la mano chi non lo leccherebbe a Farnese. Minchia, pure le donne l’hanno alzata.

“Legatelo al palo e andatevene”.

Ah, si gioca al sadomaso…

“Parla! Dimmi chi sei realmente e quali sono i tuoi sinistri obiettivi… se no ti faccio assaggiare la frusta!”.

Lui fa il duro e allora lei ci dà dentro. Non aspettava altro, la troia.

Proprio quando Farnese si stava bagnando, arriva quello stracciacazzi di ufficiale a chiedere spiegazioni. C’è sempre qualcuno che se ne fotte della delicata sensibilità femminile.

Berserk viene messo nel gabbio, ma il suo elfo tascabile lo libera. Ora capisco a cosa serve.

Mentre scappa, scorge Farnese che si autoflagella per punirsi del peccato di lussuria, perché si era eccitata mentre fustigava Berserk. Adesso si eccita facendo lo stesso con se stessa, davanti alla specie di crocifisso che adora.

Rivedendo il bel guerriero, Farnese ha un orgasmo improvviso che la fa svenire.

Stesso effetto che faccio io alle donne.

Durante la fuga con il bell’ostaggio, Berserk viene nuovamente assalito dai mostri. E che palle, non si può mai avere un po’ di intimità in questo fumetto.

La fanatica fa sangue anche al cavallo mostruosizzato dall’atmosfera magica, che le regala un bel rapporto orale… anzi no, vuole solo prepararla per un rapporto di tipo tradizionale (a giudicare dal batacchio). Lei è stravolta, ma non sembra negarsi: tutto fa curriculum. La prospettiva però fa montare su tutte le furie quel gelosone di Berserk.

Toh, ecco la testa di cavallo del film “Il padrino”. Per l’intervento non richiesto di Berserk, lei non sa se ringraziarlo o mandarlo affanculo, probabilmente la seconda.


“Passata è
la tempesta: odo augelli far festa, declamava il poeta.

“Purtroppo la festa non la fanno a me”, pensa Farnese rimpiangendo l’augellone dell’equino defunto.

All’improvviso arriva la vocina interiore di Farnese, che dice: “Dì la verità, ti eccitavi come una porca quando lo frustavi, eh?”.

“E anche quando ti autoflagellavi con il pretesto della penitenza, lo facevi per sentirti umida sotto… il dolore ti piace sia darlo sia riceverlo. Più darlo, che riceverlo”.

“Ao’, anvedi questa! Ma che sta a di’ e a fa’? Lassame anna’!”.

“Tu vuoi fare soffrire o sentirti umiliata, ma sempre ben riparata dallo scudo della fede… sei orgogliosa, ti piace sembrare superiore agli altri, ma non vali un cazzo… sei solo una puttanella tutta chiacchiere e distintivo!”

751811051725124144568441312


“Senti qui come come ti scotta la topa! Vai a fottertelo, va’… che forse è l’unica cosa che sai fare veramente, troia!”.

 

“Allora, me lo infili nel fodero il tuo spadone, bel moretto?”.

“Sono mortificato leggiadra donzella, ma invero mi duole il capo”.

Ferita nell’amor proprio per non essere riuscita a farglielo mettere sull’attenti, Farnese ordina al suo cicisbeo che l’ha appena raggiunta di ammazzargli come un cane Berserk. Umiliata persino dal cavalier servente che non vuole immolarsi per lei, la ragazza corre via con un diavolo per capello.

Berserk si guarda bene dal fermarla, del resto non le serve più come ostaggio dato che i soldati non l’hanno inseguito.

Siamo arrivati al numero 18 della serie. Farnese, tornata a palazzo, incontra quel faccia di tolla di lord Mozgus, il suo superiore. La povera donna che si trova insieme a loro aveva rubato un tozzo di pane ai preti, per sfamare il proprio bambino. Naturalmente va punita per questo peccato, ma niente di personale, si intende.

Mozgus mostra a Farnese la sala delle torture, un luogo pittoresco e allo stesso tempo trasudante di efficienza.


Queste torture sono state usate più o meno veramente durante il cristiano medioevo. A sinistra, a una signorina viene fatto bere fino a scoppiare. Nel centro, un signore su un letto di chiodi viene inchiodato a sua volta. Dietro di lui una donna siede sopra un enorme cuneo che entra lentamente nel suo lato B. Poi abbiamo carboni ardenti per abbrustolire varie parti del corpo e via dicendo. Le vittime non devono confessare nulla, devono solo soffrire fino alla morte per espiare i loro peccati.

Da qualche parte ho il facsimile di un manuale pubblicato illo tempore, dove queste sevizie sono descritte da stampe dettagliate per essere forse d’ausilio ai giovani torturatori (che devono farsi le ossa a scapito di quelle altrui).


Lord Mozgus dice paternalmente a Farnese di non distogliere gli occhiucci di fronte alla giusta punizione dei peccatori.


Non ci siamo dimenticati della madre che aveva rubato il cibo dei pretacci per darlo al figlioletto, vero? No, signora, non può fuggire. Rimanga ferma così, da brava.


Mentre la donna urla a squarciagola per i carboni ardenti che devastano le sue carni, finalmente la giovane Farnese sgrana gli occhiucci intimamente deliziata.

Segue un sabba degli eretici, che vi risparmio perché ci sono scene hard core. Passiamo, piuttosto, al lavoro di routine della nostra amica inquisitrice: l’accensione di roghi per gli eretici.




La soldataglia si lamenta perché Farnese sta esagerando: ha sempre la fissa dei roghi. Un poco vanno bene, ma qui si travalica il limite del buon gusto.

La ragazza guarda estatica le fiamme guizzanti… la camera delle torture di prima l’aveva un po’ impressionata, ma questi fuocherelli sono tutta un’altra cosa. Sì, le sembra di rinascere.


Al calar della sera, Farnese torna a lontani ricordi. Bei ricordi.


Quando era bambina, una notte uscì di casa attratta dalle grida esterne…


… e vide per la prima volta ardere una pira.


Una signora gentile le diede un legno infuocato da gettare su quei roghi, lei obbedì con un certo timore.


Subito dopo si rese conto della grandezza purificatrice di quello spettacolo e gettò un altro legno incendiario, e un altro ancora, ancora… che bello era!



Oh, finalmente sta venendo!


Se questa deve fare una strage per ogni ditale, siamo fottuti.

Perché non si limita a sfogarsi sui subordinati, come fanno tutte le capo ufficio che si rispettino?


Sarà Berserk a calmarla, facendola innamorare di lui negli episodi successivi. Del resto, quale donna, sia pure casta e pia, non perderebbe la testa per un uomo con uno spadone simile? C’è da dire che un po’ si era scazzata, perché il padre l’aveva rimossa da “capa” delle milizie e quindi non avrebbe più potuto divertirsi bruciacchiando la gente. In ogni caso, Berserk l’ha presa nella sua combriccola senza farle pesare il passato. Si sa che le donne sono bizzose. In fondo, Farnese ha agito per amore, sia pure di tipo autoerotico.

Aspettate che vi racconti per filo e per segno tutte le altre avventure di Berserk? Manco per sogno, e sono fatte tutte di mazzate alla Dragon Ball con mostri alla Conan, ma forse più alla Lovecraft. Alternate a scene di sesso per lo più sadomaso, con diversi mostri tentacolari che si fanno strada nei pertugi femminili come la piovra di Hokusai.

Kentaro Miura è un bravo autore, anche nel delineare la psicologia dei personaggi. Il suo limite è quello di scrivere senza soggetto: non sa mai cosa inventarsi per chiudere le storie. Cerca una scappatoia inserendo continuamente di nuovi personaggi e ingarbugliando le situazioni, con l’unico risultato di rendere sempre più barocco l’insieme.

Contatto E-mail: info@giornale.pop

2 commenti

  1. […] In attesa del 348° capitolo di Berserk, previsto per i mesi iniziali di questo 2017, mi piacerebbe fare il punto della situazione sulle ultime vicende del manga, nonché una ulteriore analisi, dopo quella fatta da Sauro Pennachioli nel suo articolo sull’inquisitrice Farnese. […]

  2. Apprezzato moltissimo specie per l’ironia di fondo (no, non mi riferisco a come hai “tradotto” le tavole), vero quel che dici su Conan e su opere tipo Valiant.
    Però sicuramente non procede a braccio, e la prova sono proprio gli ultimi due volumi (a breve tre: 38, 39, 40) fanno capire che tutto si riannoda.

    Ah, la cosa della fantasia è vera: Miura inizialmente avrebbe voluto immergere Berserk (il fumetto, non il personaggio :p) in una vera epoca storica (quella di Giovanna d’Arco, che coincide con quella di Dracula), ma meglio la fantasia^^

    Moz-

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*