7 DONNE SU 10 LEGGONO RACCONTI EROTICI ONLINE

7 DONNE SU 10 LEGGONO RACCONTI EROTICI ONLINE

I dati degli ultimi sondaggi parlano chiaro: sono sempre di più le donne che scelgono di leggere racconti erotici. Lesbo, bdsm, orgia: le categorie sono tantissime, ma il contenuto spesso è diverso da quello che cercano gli uomini. Vediamo assieme quanto emerge dal web.

Racconti erotici al femminile: il boom dopo 50 Sfumature

cinquanta-sfumature-di-nero

Criticata su ogni fronte dal punto di vista della qualità letteraria, la trilogia di 50 Sfumature di grigio vanta tuttavia non pochi meriti. Non solo quello di essere riuscita a sdoganare il sesso bdsm (sadomaso), quantomeno rendendolo argomento di discussione dal punto di vista sociologico, ma soprattutto l’avere aiutato ulteriormente la diffusione della letteratura erotica tra le donne.

Non che prima fosse un mistero: già a partire dalla metà dell’Ottocento possiamo trovare dei testi erotici famosissimi, ma fino a prima del 2011 (anno di pubblicazione del libro 50 Sfumature di Grigio) difficilmente si poteva immaginare un numero così elevato di lettrici che pubblicamente leggevano e si scambiavano pareri su una saga dalle tinte hard.

Per la maggior parte delle donne che leggono racconti erotici, i passi sono questi: le prime fantasie con i romanzi romantici Harmony, qualche lettura più specifica come “La bella Addormentata” di Anne Rice. E poi? E poi si cerca online. E, fortunatamente, il web non manca di buoni contenuti.

Le Stanze di Madame: due ragazze condividono i loro segreti

Con oltre 60mila lettrici mensili, il blog di racconti erotici LeStanzeDiMadame.Com è uno spazio in cui le lettrici possono trovare contenuti suddivisi per ogni fantasia. A scrivere di sesso sono due ragazze che condividono vicende erotiche con protagoniste proprio le donne. Storie reali o di fantasia? Poco importa, nella letteratura per donne conta anzitutto l’aspetto psicologico, l’intrigo, il coinvolgimento. Sembra infatti che ad interessare il pubblico femminile non sia la descrizione dell’atto in sé, ma quell’erotismo dei pensieri del “se io, se lui”. L’incertezza del non detto, il fascino dell’inatteso, l’eccitazione delle piccole trasgressioni.

A dare quel tocco di pepe in più, in molti blog di racconti erotici italiani, sono le immagini che accompagnano gli articoli e che facilitano l’immersione del lettore in un mondo poco edulcorato dove tutto può succedere. «Leggo racconti erotici fin da quando avevo 16-17 anni», racconta Marika, una ragazza intervistata. «Li trovo più eccitanti rispetto ai video perché mi permettono di sentire vicine le emozioni dei personaggi. Preferisco leggere alla sera, prima di addormentarmi, magari combinando una buona lettura con l’uso di un sex toy».

Esperienze al femminile e un’occasione di confronto

Tra lettura, erotismo e un pizzico di vanità, la letteratura erotica al femminile è spesso un momento in cui sentire sulla propria pelle la libertà della sperimentazione, del sogno e, soprattutto, dell’accettazione.

Al di fuori dei divieti e dei vincoli imposti dalla società, i racconti erotici per donne sono un momento di confronto con i propri desideri interiori. Tre le pagine di un libro o di un buon blog erotico, ragazze e donne di ogni età condividono la propria femminilità. E tu, cosa ne pensi? Raccontaci nei commenti la tua esperienza.

1 commento

  1. Mi chiedo se hai letto qualche racconto di Le stanze di Madame (certo che il nome fa tanto bordello!), perchè se lo hai fatto e poi lo hai indicato in questo mini articolo come il sito dove trovare letteratura erotica per donne, hai mentito, perchè le cose scritte in quel sito non possono essere neanche definite storielle erotiche, è vera e propria spazzatura. Quello che funziona in quel sito è la suddivisione in generi, che, riproducendo la logica del supermercato, risulta familiare alla classica massaia, che dopo aver provato tutte le perversioni raccontate alla bene e meglio da due analfabete a digiuno di qualsiasi conoscenza, pensano di essere evolute e smettono di leggere. Il materiale è talmente povero che non appassiona ma allontana dalla lettura.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*